Home Dieta e Alimentazione

Boom celiachia tra le donne, ma non lo sanno

CONDIVIDI

La celiachia è molto diffusa tra le donne, ma c’è scarsa consapevolezza su questo disturbo. Tutti i dettagli da CheDonna.it.

(iStock)
(iStock)

Si stima che le persone affette da celiachia, ovvero l’intolleranza al glutine, siano in Italia 600.000. Di queste ben 400.000 sono donne, un numero doppio rispetto agli uomini. Purtroppo, però, quasi tre su quattro non sanno di avere questo problema, con le gravi conseguenze a cui possono andare incontro.

Anemia, fragilità ossea e infertilità sono conseguenze di questo disturbo, quando non viene trattato. Le cellule del sangue, le ossa e l’apparato riproduttivo sono, infatti, i bersagli della celiachia femminile. Le donne che ne soffrono e che non seguono una dieta per escludere il glutine sono colpite in un caso su due di anemia, si fratturano le ossa più facilmente e hanno problemi di fertilità; quando riescono a rimanere incinte corrono un rischio dieci volte più alto di aborto spontaneo, ritardo di crescita intrauterina e nascita prematura del bambino.

Celiachia nelle donne: le difficoltà ad individuarla

A complicare la situazione c’è anche la difficoltà ad individuare i sintomi di questo disturbo nelle donne, spesso scambiati per le conseguenze di altri disturbi, soprattutto quelli gastrointestinali.

Secondo l’Associazione Italiana Celiachia (AIC), in presenza di circa 115.000 pazienti diagnosticate, sono 300.000 le italiane celiache che non sanno di esserlo. Per risolvere questo problema, AIC ha pubblicato la guida “Donna&Celiachia“, realizzata dal Comitato Scientifico dell’Associazione e dedicata ai medici di base e agli specialisti per aiutarli a riconoscere l’intolleranza al glutine nelle donne. La guida è gratuita ed è disponibile online sul sito www.celiachia.it.

L’iniziativa di sensibilizzazione è partita il 22 aprile, in occasione della prima Giornata Nazionale sulla Salute della Donna.

Ricordiamo infine un nostro articolo di qualche tempo fa sul tema: Celiachia: casi in forte aumento in Italia

L’intolleranza al glutine, poi, provoca anche altri tipi di disturbi non celiaci, segnalati nel nostro articolo: Glutine: i disturbi sono più diffusi di quelli diagnosticati.