Home Cultura

LIBRI: ‘Le 50 vie ferrate più belle delle Dolomiti’

CONDIVIDI

copertina 50 Vie Ferrate.indd

Vi è mai capitato di farvi rapire dalla montagna? Di stendervi sull’erba di un pascolo verde e ritrovarvi assorti a guardare le pareti rocciose svettanti sopra di voi. Quelle torri austere e inaccessibili, protese verso il cielo, paradiso dei camosci e dei rapaci. Poi all’improvviso un’eco lontana spezza il silenzio, l’attenzione si desta e, scrutando bene, su quelle pareti avete intravisto minuscole figure muoversi aggrappate alla roccia. E magari avete pensato che molto probabilmente c’era una via alternativa a quella dei camosci, accessibile anche all’uomo: una via che avrebbe potuto portare lassù anche voi.

La guida alle vie ferrate più belle delle Dolomiti ve ne offre ben 50, distribuite tra Veneto e Trentino Alto Adige e siamo certi convincerà anche il lettore più timoroso a vestire imbrago e caschetto e partire alla scoperta di queste straordinarie opere della natura, patrimonio dell’Unesco dal 2009. Irresistibile è infatti il richiamo di queste montagne, le più belle del mondo, atolli fossili che raccontano di mari scomparsi, di antiche barriere coralline, costeggiate da pesci senza peso milioni di anni fa, oggi scalate da impavidi alpinisti incuranti dell’abisso e della forza di gravità.

I 50 itinerari proposti, percorsi interamente dagli autori, sono suddivisi per gruppi montuosi e includono vie classiche e perciò immancabili, ma anche tracciati naturalistici, storici, leggendari o esclusivamente atletici. Non mancano gli ultimi itinerari attrezzati dalle Guide Alpine di Cortina e inaugurati tra l’estate e l’autunno 2015, come la ferrata Ferrari all’ombra delle Tofane e la ferrata della Memoria sul Vajont. L’aggiornamento e la cura dei dettagli sono i punti di forza di questo volume edito da Iter Edizioni in uscita a fine aprile. Le descrizioni delle vie sono introdotte da curiose pillole di storia, leggenda o natura, e sono corredate di schede tecniche indicanti tutte le informazioni necessarie all’escursionista per programmare l’uscita (quote, dislivelli, tempi, difficoltà, esposizione, segnaletica, cartografia, punti d’appoggio, periodi consigliati). Ampio spazio è stato dedicato alla sicurezza: dall’inquadramento di questa appassionante attività outdoor, alla scelta dell’attrezzatura e dell’abbigliamento più consoni, dalla valutazione dei pericoli alla gestione delle situazioni di emergenza.

Il volume è arricchito da spettacolari fotografie panoramiche o di dettagli tecnici e dai tracciati di tutti gli itinerari.

MARCO CORRIERO, fotografo e videomaker, ha fatto della passione per la montagna il suo stile di vita e il suo lavoro. È nato a Padova nel 1971 e vive in Val di Funes in provincia di Bolzano. Collabora con alcuni tra i più importanti consorzi di promozione turistica e studi professionali del Trentino Alto Adige.

FEDERICA PELLEGRINO, veneziana, è logopedista, ricercatrice e scrittrice. Ha pubblicato su riviste scientifiche e testate giornalistiche. Escursionista da sempre, alpinista per caso, ama raccontare le storie che si celano dietro i sentieri che percorre. Accanto alla montagna, ha due sole passioni, i figli Alessandro e Samuele.