Fate sparire queste 8 cose in casa, lo dicono i medici del Pronto Soccorso

 

Quando si mette piede in un Pronto Soccorso, l’unica cosa che si vorrebbe fare è uscire immediatamente. Soprattutto quando si entra in un Pronto Soccorso pediatrico. Bambini, tanti bambini, ognuno con qualche malanno o acciacco che nella maggior parte dei casi si risolve, ma ci sono anche quei casi da ‘codice rosso’, quelli più gravi e i medici del PS spesso si trovano davanti a degli episodi raccapriccianti, che talvolta potevano essere evitati se si fosse fatta delle prevenzione in casa.

A tal proposito sono stati intervistati alcuni medici che lavorano in prima linea nei Pronto Soccorso di alcuni ospedali americani ed è stata stilata una short-list degli 8 oggetti (ma ce ne sono tanti altri) che dovrebbero sparire da una casa, soprattutto da una casa con bambini piccoli. L’articolo è apparso originariamente su Huffington Post in America, ma queste avvertenze interessano tutti,  soprattutto noi genitori che abbiamo bambini a casa.

Quali sono questi oggetti da bandire secondo i medici del Pronto Soccorso?

ps2

Tappeti elastici per bambini

Dr. Ferdinando Mirarchi (Medicina d’Urgenza dell’University of Pittsburgh Medical Center) racconta di essere testimone di tantissimi traumi, anche importanti, riportati da bambini a causa dell’uso dei tappeti elastici. I bambini amano saltare si sa, ma spesso si presentano al Pronto Soccorso con fratture alla testa, femori rotti, lesioni al collo e anche altri tipi di lesioni. La rete che circonda questi tappeti elastici non rappresenta una barriera antiurto e questo inganna moltissimi genitori, pensando che i loro bimbi siano al sicuro all’interno di questa rete mentre saltano sul tappeto elastico.

Antidolorifici vecchi

Le persone a volte hanno l’abitudine di conservare medicinali avanzati, soprattutto narcotici analgesici essendo difficile ottenere la ricetta per questa tipologia di farmaci. A dirlo è ancora il Dottor Ferdinando Mirarchi, che purtroppo ha assistito a tanti casi di bambini in overdose a causa dell’assunzione di farmaci che contenevano idrocodone e ossicodone. Una pillola a rilascio prolungato può uccidere un bambino.

Pile a bottone

Sono sempre più utilizzate nei telecomandi delle automobili e nelle luci a LED portatili, le pile a bottone, e possono essere estremamente pericolose soprattutto per i più piccoli, poiché sono attratti dagli oggetti che luccicano ed essendo alla scoperta del mondo, mettono tutto in bocca, finendo per ingerirle. Solitamente, se i bambini ingeriscono delle monete, queste vengono espulse spesso senza tanti problemi. Se invece una pila a bottone dovesse restare bloccata nel corpo del bambino, questa può causare danni permanenti. Le pareti dell’esofago potrebbero fungere da spugna e assorbire l’acido della batteria. A dirlo è  Dottor David J. Mathison, pediatra in pronto soccorso e direttore medico dell’area Atlantica centrale, PM.

Zuppe con noodles

Questo tipo di zuppe, riscaldate al microonde raggiungono delle temperature altissime e stanno in recipienti di polistirolo. Sono le cause più comuni di ustioni riscontrate tra i bambini e i neonati. I genitori, a volte, dimenticano quanto siano bollenti questi alimenti e li lasciano sul banco della cucina, spesso purtroppo facilmente raggiungibili dalle manine dei bimbi, afferma ancora il Dottor David J. Mathison

Continuate a leggere l’articolo alla pagina successiva!