Ragazza violentata a Roma in strada

Ragazza violentata a Roma: è shock nella Capitale. L’episodio risale a mercoledì 30 marzo.

violenza-sulle-donne

Orrore e sconcerto a Roma: una ragazza romana di 20 anni è stata violentata lo scorso mercoledì 30 marzo nei pressi della Pineta Sacchetti.

La giovane, un’impiegata, è uscita di casa intorno alle 23.30 per prendere alcune cose che aveva dimenticato in auto. La vettura si trovava in un parcheggio in via della Pineta Sacchetti, nei pressi del Policlinico Gemelli. Nel momento in cui la ragazza ha aperto lo sportello dell’auto è stata avvicinata da un uomo intorno ai 40 anni di età, un italiano visibilmente ubriaco. L’uomo le ha intimato di consegnargli il portafoglio e il telefono cellulare, che però la giovane non aveva con sé essendo uscita di casa solo per recuperare quello che aveva lasciato in macchina.

La ragazza ha provato a spiegare al rapinatore che non aveva niente, solo le chiavi di casa, è stato a quel punto che l’uomo le avrebbe “puntato qualcosa di metallico al collo”, che, ha riferito la giovane ai carabinieri, non è riuscita bene a vedere cosa fosse, probabilmente un coltello. L’uomo, quindi, l’ha afferrata con forza, l’ha spinta contro l’auto e l’ha violentata. In quel momento la zona era al buio e deserta, nessuno è potuto intervenire per salvarla.

Solo giovedì sera, la ragazza sconvolta si è recata dai carabinieri per denunciare l’accaduto. I militari hanno aperto le indagini.