E’ possibile essere una brava nuora? Ecco come!

Non è sempre così, ma è risaputo che a volte il rapporto tra nuora e suocera può essere complicato. Quando ciò accade è bene sapere come affrontare la situazione cercando di limitare i danni. A tal proposito, la psicologa psicoterapeuta del CTSCS e docente della Scuola di Psicoterapia Comparata di Genova, Nicoletta Massone, ha rilasciato un intervista al sito nostrofiglio.it.

Dal punto di vista della suocera, quando nella vita del figlio entra una donna, è come dover elaborare una sorta di lutto, perché associa la scelta del figlio ad una vera e propria perdita. L’equilibrio fino allora avuto, tra madre e figlio, subisce una rottura, poiché non c’erano state rivali da punto di vista affettivo. Inconsciamente, quando un figlio va a vivere con un’altra persona è come se dicesse alla madre che non è più lei il centro della sua attenzione, ma che un’altra donna ha preso questo posto. Certo, il figlio ci sarà sempre per la madre, ma il loro rapporto non sarà più come prima.

Il rapporto conflittuale tra nuora e suocera!

Conflict between mother and daughter

La nuora, invece, è consapevole del fatto che il suo uomo non è solo suo, ma che dal punto di vista affettivo ha già vissuto dei sentimenti forti, quelli che lo legano alla propria madre. La nuora può fare in queste circostanze una scoperta dolorosa, si sente messa al secondo posto.

In tal caso è bene avere chiaro una cosa: ogni rapporto è unico, l’affetto che si può dare a una persona non esclude l’affetto che si può dare anche a un’altra persona. L’affetto tra due persone dipende molto dal rapporto che si costruisce insieme.

Quello che la nuora dovrebbe fare è accettare che il suo uomo abbia anche altre rapporti affettivi importanti. Questo non riguarda soltanto la madre, ma anche amici e parenti. La nuora non dovrebbe vivere queste relazioni come tradimenti e non dovrebbe mai chiedere al suo uomo un rapporto di esclusività.

L’articolo continua alla pagina successiva!