La nuova bufala su Facebook: ecco chi visita il tuo profilo

0
1

Circola una nuova bufala su Facebook: quella su come scoprire chi visita il proprio profilo. Tutti i particolari qui di seguito.

Facebook (Dan Kitwood/Getty Images)
Facebook (Dan Kitwood/Getty Images)

Puntualmente si ripresentano annunci di applicazioni e dispositivi “magici” che consentiranno agli utenti di Facebook di scoprire chi visita il proprio profilo, quando, quanto e lo farà.

“Dal 12 aprile Facebook ti mostrerà chi visualizza il tuo profilo e quante volte lo fa”.

L’avviso è stato lanciato da una pagina Facebook dal nome già di per sé dubbio: “Fidanzata Psicopatica”. Ai più accorti non deve pertanto far dubitare che si tratti di una evidente bufala.

Come sottolinea, il sito Bufale.net, inoltre, non basta indicare giorno e mese, ma la data di ogni evento annunciato attraverso i social network “deve essere completa”. Per potrebbe trattarsi del 12 aprile di qualunque anno.

Tra l’altro, come ricorda sempre Bufale.net e come sapranno gli utenti più esperti di Facebook, si tratta di una bufala che già è stata riproposta più volte nel corso degli anni. Dietro questi sedicenti annunci ci sono dei truffatori, che cercano di ottenere traffico e “mi piace” per le loro pagine Facebook, per i loro siti o l’iscrizione alle loro applicazioni o peggio vogliono infettare i vostri computer con dei virus.

Il fatto, molto semplice, è che non esistono applicazioni né modi per scoprire quante visualizzazioni riceve un profilo Facebook e da parte di quali utenti. La questione tecnica riguarda il modo in cui è strutturato il social network.

Del resto, per conoscere le novità che Facebook ha in serbo per i suoi utenti, è sufficiente visitare il suo blog ufficiale. In effetti per il 12 aprile prossimo sarà introdotta una nuova applicazione, ma non riguarda affatto la possibilità di scoprire chi visita i profili, bensì si tratta degli Instant Articles, introdotti per gli editori e i siti di news. Si tratta della possibilità di pubblicare articoli direttamente su Facebook, all’interno dello stesso social network, per ottenere maggiori visualizzazioni, grazie alla velocità e all’immediatezza dell’applicazione.