Home Salute e Benessere Mangiare sushi allunga la vita

Mangiare sushi allunga la vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:00
CONDIVIDI

Buone notizie per gli amanti del sushi. Questo cibo sarebbe un toccasana per la salute.

Sushi (iStock)
Sushi (iStock)

Mangiare sushi e sashimi fa bene alla salute e allunga la vita. Questo piatto preparato, in diverse varianti, con riso e pesce crudo sarebbe salutare così come lo è la dieta mediterranea. A sottolineare le virtù del sushi è uno studio condotto in Giappone e guidato dal National Centre for Global Health and Medicine di Tokyo. Il fatto che siano stati proprio i giapponesi ad affermare le virtù del sushi, un loro piatto tradizionale, può suscitare qualche sospetto ma lo studio è stato condotto con rigoroso metodo scientifico.

Consumare sushi e seguire le linee guida giapponesi sull’alimentazione, che prevedono un consumo equilibrato di cereali, ortaggi, frutta, pesce e carne, purché poca, come del resto accade anche per la dieta mediterranea, riduce i rischi di morte prematura per qualunque causa, malattie cardiovascolari comprese.

I ricercatori giapponesi hanno raccolto con dei questionari e hanno esaminato i dati su alimentazione e stile di vita di 36.624 uomini e 42.920 donne di età compresa tra 45 e 75 anni e che non avevano precedenti per cancro, malattie cardiache o del fegato. I ricercatori hanno accertato che gli esaminandi che avevano seguito maggiormente le linee guida sull’alimentazione, elaborate dal governo giapponese nel 2005, presentavano un tasso di mortalità inferiore del 15% in 15 anni. La minore mortalità è dipesa soprattutto ad una forte riduzione delle morti per malattie cerebrovascolari.

Nel frattempo, un altro studio, condotto dall’Università di Harvard, ha confermato i grandi benefici per la salute della dieta mediterranea. Esaminando 10.000 donne, gli scienziati hanno accertato che chi aveva seguito una dieta mediterranea aveva il 40% di probabilità in più di vivere oltre i 70 anni e contraendo allo stesso tempo meno malattie croniche come il diabete e meno problemi cardiovascolari.

Via libera dunque a cereali, legumi, frutta, verdura e tanto pesce!