Home Attualità Con un ultimo bacio dice addio alla figlia

Con un ultimo bacio dice addio alla figlia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:13
CONDIVIDI

Arriva dal blog “This Life I Live” (La vita che vivo) la storia di Joey Feek, una nota cantante country americana. A raccontarla è il marito e compagno artistico Rory, una delle coppie di cantanti country più famose degli Stati Uniti che hanno ricevuto le nomination agli scorsi Grammy Awards.

La storia che Rory racconta è triste. Joey Feek, ha scoperto due anni fa di avere un tumore all’utero. Lo ha combattuto con tutta sé stessa fino a novembre dell’anno scorso, quando ha deciso, insieme al marito, di sospendere ogni cura. Non c’erano più speranze di guarigione, è ciò che le dissero i medici. Da qui la decisione di Joey di arrendersi alla lotta contro il cancro.

L’ultimo bacio di Joey Feek alla figlia Indiana!

baciofiglia

Nel suo blog, Rory racconta che la moglie Joey aveva soltanto un grande desiderio. Era quello di veder compiere due anni alla loro figlioletta Indiana, affetta dalla sindrome di Down. Questo desiderio l’ha tenuta in vita ed è riuscita ad esaudirlo. In un post, Rory Feek racconta proprio questi ultimi giorni di Joey Feek in ospedale: “Joey ha riunito tutta la famiglia e ha detto addio ad ognuno di loro, gli ha detto quanto gli volesse bene e che presto sarebbe tornata a casa. Il suo tempo in ospedale era finito e presto si sarebbe addormentata. Sono cadute molte lacrime. Infine, ha chiesto di portarle nostra figlia Indiana. Ha poggiato la nostra piccola sul suo grembo e abbiamo pianto tutti mentre le diceva quanto l’amava ‘Sii una bamba grande per il tuo papà, mamma ti guarderà’, poi l’ha alzata e l’ha baciata. L’ultimo bacio. ‘Ho vissuto la vita che volevo’, ha detto Joey. E questo bacio d’addio, Rory l’ha immortalato, uno scatto che resterà nel suo cuore e quello di Indiana.

Il blog di Rory racconta la vita vissuta insieme a Joey. Con parole e immagini, ha ripercorso tutti i loro momenti, dall’inizio della lotta contro il cancro in cui Joey era sicura di batterlo, passando per i momenti di profondo sconforto, fino ad arrivare a oggi.

Un bacio d’addio che non è un addio.