Yacht guidato da una mummia, scena horror alle Filippine

0
5

Un yacht guidato da una mummia, è la terrificante scoperta che è stata fatta nell’Oceano Pacifico al largo delle Filippine.

Surigao del Sur, Filippine (Paolobon140. CC BY-SA 4.0, Wikipedia)
Surigao del Sur, Filippine (Paolobon140. CC BY-SA 4.0, Wikipedia)

Al largo delle coste paradisiache di Barobo, località della provincia di Surigao del Sur, nelle Filippine, è stata fatta una macabra scoperta. Un ragazzo di 23 anni, Christopher Rivas, ha trovato uno yacht alla deriva nelle acque dell’Oceano Pacifico. L’imbarcazione era completamente in balia della corrente, il ragazzo ha così deciso di salire a bordo, per verificare che problemi ci fossero. Se le persone a bordo avessero avuto dei problemi o se lo yacht fosse stato abbandonato.

Quando il giovane è entrato nella cabina della barca non poteva credere ai suoi occhi: all’interno appoggiato alla strumentazione ha trovato il corpo mummificato del proprietario. L’identità dell’uomo è stata accertata dai documenti. Si tratta di un tedesco, Manfred Fritz Bajorat di 59 anni che era scomparso dal 2009, dopo essere partito per un giro in barca in solitaria per il mondo. Un viaggio che però si è concluso tragicamente, senza che nessuno nel frattempo lo trovasse.

Non si conoscono ancora le cause della morte dello skipper tedesco. I conoscenti hanno raccontato che si trattava di un navigatore esperto, che non si sarebbe mai messo in situazioni di pericolo. Quando la sua barca a vela è stata ritrovata, l’albero maestro era distrutto e gran parte della cabina era finita sott’acqua. E’ probabile che il danneggiamento dell’imbarcazione sia avvenuto dopo la morte dell’uomo, quando lo yacht era già alla deriva.

I venti e il clima della zona hanno consentito la conservazione del cadavere, che si è mummificato. Ora le indagini della polizia cercheranno di accertare la dinamica dell’accaduto.

La storia di Manfred Fritz Bajorat è piuttosto triste: l’uomo si era separato dalla moglie nel 2008 ed era poi partito per il suo viaggio in solitaria in barca. La donna era poi morta di cancro.

La vicenda è stata riportata dal giornale britannico Mirror.