Home Maternità

Diario di una mamma: Sono un fiume in piena…

CONDIVIDI

Ciao amore mio.. è tanto che non ti scrivo. Il motivo? Sono affaccendata tutto il giorno e la sera crollo letteralmente. Ci siamo quasi dai, la casa ha preso un aspetto decente. Quante lacrime però!

Mobili arrivati, montati, puliti e riempiti! Finalmente dormiamo nella camera da letto e a breve verrà pure la nonna e starà con noi per un poco di tempo. Sai lei vuole esserci quando nascerai, sei il principino tanto atteso!

Il mal di schiena è aumentato e so che è colpa mia, perché non mi sono di certo risparmiata, essendo sola ho dovuto fare tutto io. No, papà mi aiuta la sera quando torna da lavoro, ma è stanco pure lui. Non si risparmia nemmeno lui, però sono più le volte che crolliamo addormentati anziché finire di mettere a posto.

Oggi è più dura del solito, ho pianto più volte, tante lacrime, troppe lacrime.

piangere-gravidanza.400.600x400

L’unica nota stonata amore è che stanno crescendo le mie ansie, le mie paure e le infinite domande sull’essere mamma in tutti i sensi. Sarò in grado di curarmi di te? Come sarà il parto? Ho una soglia di dolore bassissima, ma cerco di non pensarci troppo, senza successo però. Con le mie ansie e le paure sono aumentate anche le lacrime, sono un vero fiume in piena… sperò che tutto ciò si plachi una volta che ti ho tra le braccia.

Tu sei un vero terremoto nella pancia, scalci in un modo veramente “vivace”, lasciami passare la parola anche se non rispecchia propriamente la tua attività sfrenata. Certo che sono contenta, significa soltanto che stai bene ed è ciò che mi sta più a cuore. Ti faccio una promessa, quando ti avrò qui con me, mi mangerò i tuoi piedini! Ma no piccolo, non li mangerò veramente,  mamma scherza. Io sono innamorata dei tuoi piedini anche se ancora non li ho visti .. e spesso dico che forse questo è l’unico momento della vita di una mamma in cui si fa prendere a “calci” dal proprio figlio.

Adesso ti do la buonanotte con il nostro carillon…tiro la corda, la musichetta parte e so che tu ascolti, ascolti e ti muovi perché la musica ti piace, ti è piaciuta dal primo momento che l’hai ascoltata. Ti amo cucciolo di mamma e tra un mese circa, conti alla mano, dovresti essere qui con me, con noi e non vediamo l’ora….e altre lacrime solcano il viso, lacrime di gioia.

Nel prossimo episodio: Una triste notizia…