Home Dessert

La pastiera napoletana: un must per Pasqua!

CONDIVIDI

Chi non l’ha mai assaggiata la pastiera napoletana (o più semplicemente pastiera)? E’ un dolce napoletano tipico del periodo pasquale e la troverete nella top ten della cucina napoletana.

Andiamo a scoprire un poco le origini.

ricetta-Pastiera-napoletana-fatta-in-casa1

La leggenda narra che sia stata la sirena Partenope a creare questa delizia, che deriva molto probabilmente dalle feste pagane e offerte votive del periodo primaverile. E’ legata al culto di Cerere le cui sacerdotesse portavano in processione l’uovo, simbolo di rinascita che passò nella tradizione cristiana.

La ricetta attuale fu perfezionata proprio nei conventi, più precisamente nel convento delle suore di San Gregorio Armeno.

Altre voci invece raccontano una leggenda più “reale” in cui dei pescatori rimasero in balia di una tempesta per un giorno e una notte in mezzo al mare. Una volta rientrati sulla terraferma, a chi domandasse come avessero resistito in mare così tanto tempo, risposero che avevano mangiato la Pasta di Ieri, fatta con ricotta, uova, grano e aromi. Anche per questo motivo, la pastiera è simbolo di rinascita poiché aveva dato una seconda vita a questi quattro pescatori.

Di seguito la ricetta passo passo.

Ingredienti:

1 barattolo di grano cotto

300 ml di latte

1 cucchiaio di burro/strutto

700 gr di ricotta

500 gr di zucchero (300 gr per chi non la volesse troppo dolce)

7 uova intere

3 tuorli d’uovo

1 bustina di vanillina

2 fiale di aroma fior d’arancio

1/2 cucchiaino di cannella

Per la pasta frolla:

250 gr di farina

125 gr di burro

125 gr di zucchero

1 uovo

1 pizzico di sale

Occorrente: teglia di alluminio leggera diam. 28/30 cm, h 4,5 cm.

  1. Versate il grano in un tegame, aggiungete il latte e il burro o lo strutto. Face cuocere a fiamma bassa, finché non otterrete una sorta di crema di grano. Lasciate raffreddare completamente.
  2. Preparate la pasta frolla utilizzando una spianatoia. Setacciate la farina e create una fontana al centro. Aggiungete il burro, lo zucchero, l’uovo e il pizzico di sale. Lavorate l’impasto finché non avrete raggiunto una consistenza liscia ed omogenea. Non deve più attaccare alle mani.
  3. Passate ora a preparare la crema di ricotta. In un recipiente capiente, mescolate la ricotta con lo zucchero. Lo zucchero si deve sciogliere del tutto, così da non avere più granelli di zucchero.
  4. Ritornate ora al grano cotto e aggiungete ora le uova intere una per volta e iniziate a mescolare con uno sbattitore elettrico, passate ora ai tuorli con lo stesso procedimento. Aggiungete l’aroma di vanillina, fior d’arancio e la cannella continuando a mescolare. A questo punto, a chi non piace la consistenza granulosa del grano, può anche frullare il tutto (per ottenere una vera crema di grano) oppure frullare soltanto una parte di questo impasto.
  5. Ora aggiungete la crema di ricotta alla crema di grano e mescolate molto accuratamente, così da ottenere un impasto cremoso e ben amalgamato.
  6. Foderate la teglia di alluminio con la pasta frolla, bordi compresi, lasciandone un poco da parte per formare le strisce di pasta frolla.
  7. Versateci dentro l’impasto e formate le strisce di pasta frolla da sovrapporre sulla teglia attaccandole al bordo della teglia.
  8. Cuocete in forno (preriscaldato)  a 200 gradi per ca. 50-60 minuti e finché non sarà bella dorata in superficie.