Home Cultura

CINEMA: Trailer del film “Fiore del deserto”

CONDIVIDI

il-trailer-italiano-di-fiore-del-deserto-biopic-sull-incredibile-storia-della-modella-waris-dirie-v7-252173-1280x720

Il film Fiore del deserto diretto dalla regista anglotedesca Sherry Hormann e distribuito in Italia da Ahora! Film, con la collaborazione di K2 film, già acclamato alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, uscirà al cinema a partire dal 14 aprile.

Fiore del deserto è un eclettico connubio tra dramma e commedia e porta sul grande schermo la storia vera di Waris Dirie, splendida e ricercatissima modella, l’unica bond girl venuta dal deserto con i suoi drammatici segreti. Nel cast la celebre modella Lidya Kebede, Sally Hawkins, Juliet Stevenson, Craig Parkinson, Meera Syal, Anthony Mackie e Timothy Spall, (migliore attore al Festival di Cannes nel 2014 per “Turner”).

La fotografia è di Ken Kelsch, professionista di alto livello e stretto collaboratore di Abel Ferrara: Ken alterna scene con macchina a mano e scene con crane, secondo la volontà della regista che voleva filmare al meglio l’Africa di Waris.

Fiore del deserto, girato tra il Gibuti (molto simile a Mogadiscio prima della guerra), Londra, New York, con varie ricostruzioni di set a Colonia, tocca quattro paesi e 3 continenti le cui culture si amalgamano e si incarnano nel personaggio di Waris. Il film racconta la consapevolezza di essere donna in Africa, la fuga da un matrimonio imposto, la vita di domestica analfabeta a Londra, il debutto nella moda e nel cinema sino ad arrivare alla rivelazione del segreto che ha segnato la sua vita e per il quale lotta tuttora come ambasciatrice Onu.

Il soggetto del film Fiore del deserto è tratto dalla biografia best-seller della stessa Waris, che ha accettato di incontrare la regista Sherry Hormann affidandole la sua storia a due sole condizioni: che avrebbe filmato la scena della mutilazione e che avrebbe inserito nel film l’ironia e la gioia di vivere propria della sua protagonista.

Sinossi

Waris Dirie nasce in un villaggio della Somalia da una famiglia di nomadi con dodici figli dove subisce l’infibulazione più o meno a cinque anni: a tredici il padre la vende a un uomo di sessant’anni. Waris non accetta quel destino, fugge a Mogadiscio e poi a Londra, nella residenza di uno zio ambasciatore lavorando come cameriera. Quando l’uomo viene richiamato in Somalia, lei decide di restare in Inghilterra. Sola e analfabeta si guadagna da vivere con mestieri umili. Si iscrive a una scuola serale finché un giorno un fotografo, Terry Donaldson, la convince a posare.

All’improvviso il suo destino cambia dando inizio a una fortunatissima carriera di fotomodella. Al culmine del successo, Waris ha trovato il coraggio di raccontare la propria storia e oggi è la portavoce ufficiale della campagna dell’ONU contro le mutilazioni femminili.