Home Maternità

Diario di una mamma: Una decisione difficile!

CONDIVIDI

Non è mai facile prendere delle decisioni, soprattutto se queste riguardano te, piccolo mio. Procede tutto bene, sei lì al sicuro nel tuo guscio, al caldo, protetto.

Devo, anzi dobbiamo, prendere una decisione. Ne abbiamo parlato il tuo papà ed io, se fare o meno l’amniocentesi. Tutte le altre analisi fatte finora sono negative, anche le probabilità di una malformazione o trisomia sono bassissime.

Amniocentesi si o no?

amniocentesi

Eppure, chissà perché in questi casi ci sono persone che si prendono la libertà di esprimere il proprio parere senza nemmeno essere interpellate.

“Devi fare l’amniocentesi, perché così puoi avere la certezza di avere un bimbo sano.” “La devi fare, almeno così ti prepari se c’è qualche anomalia.” Frasi così ne ho sentite a quantità industriali, tutti lì a metterti dubbi ed incertezze nel cuore. Si sa che la donna in gravidanza è sensibile, suscettibile e fragile per alcuni aspetti emotivi.

Cosa è giusto fare? E’ un esame molto invasivo,  si fatto da professionisti, con monitoraggio, ambiente sterile e così via, ma è sempre un ago che perfora la placenta e dal momento che viene tolto dall’involucro non è più sterile. E se quel buco millimetrico non si richiudesse? C’è l’1% di probabilità di perdita del bambino, una percentuale alta secondo me, secondo noi.

Con il tuo papà abbiamo parlato tanto e c’è una parte di noi che vorrebbe sapere, avere la certezza, ma l’altra parte, quella che prevale ci dice di non farla, perché andrà tutto bene.

E se così non fosse, e lo sapremo quando nascerai, allora affronteremo il tutto.

Abbiamo deciso di non fare l’amniocentesi, abbiamo deciso di affidarci al nostro istinto, a Dio.

Nel momento in cui abbiamo preso questa decisione ogni dubbio è svanito, ogni incertezza è sfumata e c’è solo posto per la gioia e la felicità di saperti lì nel tuo guscio, nel mio pancino, che sta iniziando a lievitare.

Tra una settimana sarà pronto il trasloco, i pacchi aumentano e pure la fatica, ma l’unica cosa a cui penso è stare insieme, noi tre, tu, papà ed io.

Nel prossimo episodio: Casa nuova, vita nuova… e tanta amarezza!