Home Salute e Benessere

Caffè e cuore: le ultime scoperte

CONDIVIDI

Ecco le ultime scoperte scientifiche sul rapporto tra il consumo di caffè e il cuore. I particolari da CheDonna.it.

Caffè (Thinkstock)
Caffè (Thinkstock)

Il caffè non fa male al cuore e non altera il ritmo cardiaco. Si tratta dell’ultima scoperta scientifica su questa bevanda tanto amata e tanto bevuta, ma spesso anche tanto criticata per i suoi effetti sulla salute.

Lo studio è stato effettuato dall’Università della California ed è stato pubblicato sulla rivista scientifica Journal of American Heart Association.

I ricercatori americani hanno preso in esame 1.400 persone, di cui poco più della metà, il 61%, consumava abitualmente, più di una volta al giorno, caffè e altre bevande che contengono caffeina, come tè o cioccolata. Dalle analisi fatte, gli studiosi californiani hanno potuto accertare che fra i due gruppi di individui, quelli che consumavano abitualmente caffè e quelli che non lo consumavano, non sono state rilevate differenze nei problemi legati ai battiti cardiaci.

La conclusione è stata pertanto che il consumo abituale di caffè o caffeina non aumenta il rischio di battiti cardiaci irregolari o in eccesso, quelli che possono causare patologie cardiache anche mortali.

Proprio alla luce di questi risultati, i ricercatori dell’Università della California hanno raccomandato una modifica delle linee guida sanitarie che sconsigliano prodotti a base di caffeina a chi ha problemi cardiaci. “Potremmo avere scoraggiato il consumo di sostanze che danno dei benefici per il sistema cardiovascolare senza motivo”, hanno precisato i ricercatori.

Noi, intanto, sulla base di altri studi scientifici, vi avevamo già parlato in diversi articoli, pubblicati nei mesi scorsi, delle virtù benefiche del caffè. Ve li riproponiamo:

Alimentazione: gli insospettabili che fanno bene alla salute, il caffè

Una tazzina di caffè allunga la vita

Caffè in gravidanza: consentito in quantità moderate

Vi avevamo inoltre spiegato il meccanismo in base al quale il caffè ci tiene svegli, rallentando il nostro orologio interno; vi avevamo parlato anche del suo effetto lassativo. Infine vi avevamo anche detto che il caffè è finito sotto la lente dello IARC (International Agency for Research on Cancer), Agenzia Internazionale per la ricerca sul cancro dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, su un suo eventuale rischio cancerogeno, di cui si saprà nei prossimi mesi.