Home Cultura

LIBRI: ‘Diario in pubblico’

CONDIVIDI

Vittorini_2

In occasione dell’anniversario della scomparsa di Elio Vittorini (12 febbraio 1966), Bompiani pubblica una nuova edizione di Diario in pubblico a cura di Fabio Vittucci in libreria l’11 febbraio.

Diario in pubblico, autobiografia e insieme romanzo militante, mostra “gli argomenti di agitazione culturale in Italia”attraverso la vivacità intellettuale di un grande protagonista del Novecento.

Questa edizione ricompone per la prima volta in volume i vari frammenti della storia editoriale del Diario pubblicati sotto l’egida di Italo Calvino. Si completa così un grande affresco letterario che comprende autori italiani come Gadda e Montale, i maestri stranieri come Defoe e Melville, l’impegno antifascista, la letteratura americana di Faulkner ed Eliot, l’impegno editoriale e civile del dopoguerra.

Elio Vittorini nacque a Siracusa nel 1908. A 23 anni esordì con Piccola borghesia e nel 1932 scrisse Viaggio in Sardegna (ristampato nel 1952 con il titolo Sardegna come un’infanzia). È di quegli anni anche il romanzo Il garofano rosso, pubblicato in volume solo nel 1948. Nel 1942 Bompiani pubblicò Conversazione in Sicilia, seguito da Uomini e no (1945), Il Sempione strizza l’occhio al Frejus (1946), Le donne di Messina (1949), Erica e i suoi fratelli (1956) e Diario in pubblico (1957). Dal 1945 al 1947 fu direttore della rivista letteraria “Il Politecnico” e in seguito curò per l’editore Einaudi la collana dei “Gettoni”. Morì a Milano nel 1966.