Home Attualità

Shane Burcaw, quando la sedia a rotelle diventa un’opportunità di cambiare le menti

CONDIVIDI

Shane Burcaw è un giornalista che da quando aveva soltanto due anni è costretto su di una sedia a rotelle per una atrofia muscolare spinale.

La sua storia sta facendo il giro del web raccogliendo molti consensi ma sopratutto regalando l’opportunità di riflettere a tutti coloro che pensano che la disabilità fisica corrisponda troppo spesso ad una vita vissuta per metà.

fidanzati

 

 

 

Shane ama una donna meravigliosa, Anna, che troppo spesso viene scambiata per la sua infermiera. Molte infatti le domande che questo giovane uomo si vede rivolgere ogni giorno riguardo la presenza di questa meravigliosa donna al suo fianco.

Chedonna.it vi svela come Shane,  abbia saputo trasformare una condizione limitante in una fruttuosa opportunità per cambiare lo sguardo e i pensieri di molte persone sulla disabilità!

”Anna è la tua infermiera? No è la mia fidanzata!”

Ecco solo una delle tante domande a cui ogni giorno Shane e Anna sono costretti a rispondere. Come racconta Shane all’ Huffington Post, questo accade sopratutto quando li si vede in giro mano nella mano, credendo che un uomo sulla sedia a rotelle non possa innamorarsi ed essere felice come un ‘normodotato’:

” Ora, non c’è nulla di intrinsecamente sbagliato in questa domanda, ma se mi capita di vedere due persone giovani in un ristorante carino, la prima cosa che mi viene in mente è che si tratti di un’uscita romantica. Quando nel quadro c’è una sedia a rotelle, però, sembra che le persone non partano da questo assunto.
In varie altre occasioni alla mia ragazza è stato chiesto se fosse la mia infermiera. Una volta, una persona le ha chiesto senza la minima comprensione se fosse “la persona che si prende cura di lui”. Ormai ci siamo abituati a queste domande bizzarre e ricorrenti, e spesso ci divertiamo a prendere in giro la loro ignoranza”

Ecco come Shane Burcaw è riuscito a trasformare in un’opportunità tutta la chiusura mentale con cui molte persone si approcciano ad una persona disabile…