Home Attualità

Mosul Eye denuncia, bambini disabili vittime di una fatwa dell’Isis, li uccideranno tutti

CONDIVIDI

Nelle ultime ore, un allarme inquietante è stato lanciato dall’osservatorio indipendente ‘Mosul Eye‘. I rappresentanti di questo ‘occhio’ con sede a Mosul, cercano di raccontare e condividere attraverso i social network tutto ciò che accade in Iraq.

Secondo Mosul Eye, una Fatwa dell’Isis si sta abbattendo sui bimbi disabili che secondo un giudice esperto in legge coranica dovrebbero essere uccisi.

mosul eye

(Fonte foto: Mosul eye)

 

La notizia sta facendo rapidamente il giro del mondo, ma sulla sua veridicità non esistono per adesso fonti attendibili. L’amministratore della pagina Facebook di Mosul Eye però sfida tutti con delle parole che arrivano dritte alla coscienza pubblica: ” Venite qui a vedere se non ci credete!“.

Iraq, una Fatwa dell’Isis vorrebbe morti tutti i bimbi disabili e con sindrome di Down in Iraq e in Siria

La Fatwa secondo cui tutti i bambini nati con evidenti malformazioni o portatori di sindrome di Down, dovrebbero essere uccisi tramite soffocamento o iniezioni letali, sarebbe stata proclamata da un giudice saudita di nome Abu Said Aljazrawi.

Secondo l’osservatorio Mosul Eye già 38 bambini avrebbero trovato la morte sia in Iraq che in Siria a causa di quest’ordine ‘orale’ che si diffonde per passa parola e che vorrebbe eliminare i bimbi disabili già dalla prima settimana di vita.

Sulla pagina Facebook dell’osservatorio è stato postato un video dove si vede un bimbo su una sedia a rotelle che potrebbe essere ucciso e scrivono:

“La maggior parte dei bambini nati con sindrome di down o malformazioni sono quelli di “foregin fighters” che hanno sposato donne irachene, siriane o asiatiche. 38 i casi confermati fra piccoli di età compresa fra una settimana e tre mesi”

Mosul Eye ha inoltre lanciato degli hashtag per sensibilizzare l’opinione pubblica su questa vicenda che per ora non trova riscontri oggettivi, #IAmDisabledTheCaliphWillKillMe e #WeDoNotWantToBeLeftAlone.

fonte: huffingtonpost.it