Home Senza categoria

Parto straordinario: quattro gemelle da due fecondazioni in contemporanea

CONDIVIDI

Una donna che non riusciva ad avere figli è ricorsa alla fecondazione assistita e l’effetto è stato molto di più di quanto si aspettasse. La storia da CheDonna.it.

Gravidanza (Thinkstock)
Gravidanza (Thinkstock)

Un parto eccezionale è quello che è avvenuto il 27 novembre al Policlinico di Modena. Una mamma di origine cinese ha dato alla luce quattro gemelle frutto di una duplice fecondazione simultanea: una assistita, a cui la donna e il marito erano ricorsi per avere figli, e una naturale, ovvero da un normale rapporto, nel frattempo avvenuta a sorpresa.

Un parto tetragemellare, il primo nella storia della provincia di Modena, hanno fatto sapere i medici, ma anche il primo parto in Italia frutto di doppia fecondazione.

E’ stato proprio quando la coppia di coniugi cinesi, dopo alcuni tentativi falliti, ha deciso di ricorrere alla fecondazione assistita che la natura ha fatto il suo corso. Così la mamma cinese è rimasta incinta di quattro bambine, due dalla fecondazione assistita e due da quella naturale. Un caso destinato ad entrare nella letteratura medica.

La mamma cinese, 31 anni, aveva già avuto due gemelli. Il professor Fabio Facchinetti, primario del Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale modenese, ha spiegato all’agenzia Ansa:

“Può succedere che le donne che hanno hanno già avuto gemelli, come nel caso della signora, quando hanno un embrione impiantato poi abbiano altri gemelli e pare che questo sia il caso. Quello che è successo di strano è che ci sia stata un’altra fecondazione: di solito l’embrione produce due gemelli, non quattro e, quindi, la madre potrebbe avere avuto un rapporto sessuale ed essere rimasta incinta anche in questo caso. Diciamo che c’è stata un po’ di confusione: in una coppia le bambine sono gemelle, nell’altra potrebbero essere gemelle o anche solo sorelle”.

Le bambine sono nate premature, alla 26^ settimana, ma stanno bene, hanno detto i medici che sono fiduciosi sul loro stato di salute. Le piccole gemelline sono ricoverate presso la Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Modena.