Home Attualità

Si risveglia dal coma dopo 5 anni: grazie agli angeli che mi hanno aiutato

CONDIVIDI

Tra tante notizie tragiche, finalmente anche una bella.

Ospedale (Christopher Furlong/Getty Images)
Ospedale (Christopher Furlong/Getty Images)

Un ragazzo di 27 anni, Giorgio Grena, si è risvegliato dal coma dopo cinque anni. Una vicenda incredibile, che ha quasi del miracoloso.

Nel 2010 il giovane, all’epoca 22enne, era stato vittima di un pauroso incidente in auto sull’autostrada tra Seriate e Bergamo. Il ragazzo era andato in come e i medici ne avevano accertato lo “stato vegetativo”.

Dopo cinque lunghi anni in questo stato Giorgio Grena si è risvegliato. Anche parlare di risveglio non è appropriato, come ha spiegato il prof. Giorgio Maggioni, specialista in riabilitazione neuromotoria alla Fondazione Salvatore Maugeri di Pavia, che ha seguito il ragazzo ed è stato fondamentale per il suo recupero. Il professore ha infatti precisato che per Giorgio Grena “è più giusto parlare di un miglioramento” anche se “per certi versi inatteso dopo ben cinque anni”. Maggioni ha aggiunto che “è un caso su cui riflettere”.

Comunque una bellissima notizia e nuove speranze anche per il futuro di tante persone che patiscono le stesse condizioni.

IL prof. Giovanni Salvi, Responsabile del Centro di Riabilitazione Neuromotoria e Cognitiva dell’Istituto Clinico Quarenghi e Presidente della rete Associazione italiana per il Recupero Trauma Cranico, ha spiegato a Bergamonews:

“Quello di Giorgio è uno dei rarissimi casi di risveglio spontaneo, se ne contano circa quindici in tutto il mondo, quattro in Italia. Il suo è un caso di risveglio a domicilio, in quanto Giorgio è sempre stato assistito da medici e familiari all’interno della sua abitazione e, cosa ancor più strabiliante, senza alcuna somministrazione di farmaci risveglianti. Questo grazie alle innate proprietà ripristinanti insite nel suo cervello”.

Ma le parole più belle sono quelle pronunciate da Giorgio Grena dopo il risveglio dal coma:

“Ringrazio tutti i miei angeli, che mi hanno sostenuto”.