Home Cultura

LIBRI: ‘In principio era il sesso’

CONDIVIDI

39bc6734-358c-471b-aafc-34dea63df174

Bestseller del New York Times e già tradotto in 15 lingue, In principio era il sesso (Sex at Dawn) è il più potente attacco al concetto di matrimonio vibrato tramite un volume.

Nondimeno le teorie di Ryan sono state riferite da MSNBC, Fox News, CNN, NPR, The New York Times, The Times of London, Playboy, The Washington Post, Time, Newsweek, The Atlantic, Outside, El Pais, La Vanguardia, Salon, Seed, and Big Think. La sua ultima conferenza al TED visualizzata più di un milione e mezzo di volte.

Per quanto le spiegazioni di antropologi e filosofi si siano affannate a ricondurre il matrimonio alle prime forme sociali e addirittura alle relazioni nei gruppi di scimmie antropomorfe, le loro conclusioni restano basate su fraintendimenti di fondo piuttosto grossolani.  Ryan e Jethà decostruiscono le teorie di Darwin, Hobbes, Malthus, Hrdy, S. Goldberg, Morgan, Pinker, Chagnon e altri con l’arma dell’ironia e con argomentazioni ineccepibili.

Non contenti della “narrazione standard” (di Sarah Blaffer Hrdy)che prevede la coppia esclusiva basata sullo scambio: la donna in cambio di carne (cibo) e di protezione per i figli dà all’uomo la certezza (con la fedeltà) che i figli siano suoi, i due autori mettono in campo un vero e proprio armamentario di dati su tribù del presente e del passato la cui sessualità non ripercorre lo schema predetto. Se i pluri indagati Mosuo del lago Lugu, sulle alture tra Yunnan e Sichuan, condividono la sfera sessuale e non basano sul patriarcato la propria società, svariati popoli che vivono tra il Venezuela e la Bolivia (Aché, gli Araweté, i Bari, i Canela, i Kaxinawá, i Coripaco, gli Ese Eja, i Kayapó, i Kulina, i Matis, i Mehinaku, i Piaroa, i Pirahã, i Secoya, i Siona, i Warao, gli Yanomami e gli Ye’kuana, ma anche i Lugi della Papua Nuova Guinea) sono convinti che il figlio nasca dalla somma di più sperma e condividono non solo il talamo, ma anche la cura dei figli.

Uno dei punti chiave della trattazione di Ryan è questo: non si può dire che la cura esclusiva della prole da parte dei genitori biologici sia migliore della condivisione della cura dei ragazzi da parte di una comunità allargata.

Ci sono inoltre tutta una serie di dati biologici che non spiegano la naturale genesi della monogamia. Per citare un esempio: perché le donne non hanno un vero e proprio periodo mensile di renitenza al sesso (biologicamente parlando)? O perché i genitali maschili della specie umana sono di dimensioni così notevoli in relazione agli altri animali?

Inoltre: è proprio vero che Hobbes aveva ragione e che la nostra preistoria è fatta di una guerra continua e senza partito? I “bias di conferma” si susseguono. Basti leggere le critiche a Napoleon Chagnon (autore del fortunato Yanomamo The Fierce People) che andava a studiare le tribù venezuelane portando ad alcuni gruppi dei machete e pretendendo che questo non causasse le guerre che annotava a suffragio della sua teoria.

E i Bonobo? Perché in nessuna delle teorie che mettono al centro delle strutture sociali la famiglia monogamica sono considerate queste scimmie antropomorfe che tanto condividono geneticamente con l’Homo sapiens sapiens e sono pansessuali, matriarcali e pacifiche?

Se i matrimoni falliscono ogni giorno e i tradimenti portano sofferenze inenarrabili, è ora di rivalutare la condivisione pacifica della sfera sessuale. O quantomeno di non prendere per pazzi quel mezzo milione di statunitensi (più tanti e tanti altri nel mondo) che fanno parte di “famiglie” poliamorose. «Ciò che non si può mettere in discussione è che, oggi come oggi, il matrimonio convenzionale è un completo disastro per milioni di uomini, donne e bambini. Il matrimonio convenzionale “finché morte (o l’infedeltà o la noia) non ci separi” è un fallimento». E allora perché non iniziare a praticare e pensare in maniera differente? Ironico, brillante, ritmato e alla portata di tutti, Sex at Dawn è ormai un must sull’argomento, finalmente lo si potrà apprezzare anche in traduzione italiana.