Le notizie del giorno: il Papa malato, ancora maltempo al Sud

Terrore in aereo: azzanna passeggeri

Aereo (Getty Images)
Aereo (Getty Images)

Una scena da film dell’orrore si è consumata domenica scorsa a bordo di un aereo della Aer Lingus partito da Lisbona e diretto a Dublino. Un giovane brasiliano di 24 anni si è alzato improvvisamente dal suo posto, ha dato in escandescenze e ha preso a morsi due passeggeri. Poi è caduto a terra, morto. I passeggeri e l’equipaggio del volo sono rimasti pietrificati, il giovane fuori di sé ha agito quasi come fosse un cannibale. Quando il ragazzo è stato soccorso per lui non c’era più nulla da fare: era morto. Poche ore dopo, l’autopsia disposta sul suo corpo ha potuto accertare che all’interno di trovano alcune confezioni di droga, che in giovane probabilmente aveva ingerito integre per portarle da un Paese all’altro come avviene nel traffico internazionale di stupefacenti. In volo, però, le confezioni devono essersi aperte provocando l’effetto devastante. Pare poi che il giovane avesse ingerito le confezioni insieme ad un’altra sostanza letale.

Stando agli effetti della droga sul giovane brasiliano, che lo avrebbero portato a compiere atti di cannibalismo, potrebbe essersi trattato del Krokodil, uno stupefacente devastante, di cui vi abbiamo già parlato, a base di codeina, benzina, iodio, olio e detersivi. Questa potentissima droga si assume per via endovenosa e provoca in un primo momento euforia e rilassamento, ma poi ha conseguenze devastanti per l’organismo: formazione di piaghe purulente, la “pelle da coccodrillo” da cui deriva il nome Krokodil, lesioni gravi agli organi interni e infine una perdita di freni inibitori che può portare a compiere atti di cannibalismo.