La luce led blu aiuta a conservare gli alimenti. Scoperta dell’Università di Singapore

0
6

Novità sulla conservazione del cibo. Ve le racconta CheDonna.it nella sezione attualità.

Led (Thinkstock)
Led (Thinkstock)

Una importante scoperta sulla conservazione dei cibi ci viene dall’Università Nazionale di Singapore. Uno studio condotto dal Programma alimentare Scienze e Tecnologie della Facoltà di Scienze ha accertato che la luce led blu aiuta a conservare più a lungo carne, pesce, frutta e verdura.

L’effetto del led è più efficace se l’ambiente in cui sono tenuti i cibi è fresco, con temperature comprese tra i 4 e i 15 gradi centigradi (pensiamo ai frigoriferi). Un effetto che è particolarmente evidente sui cibi acidi, come la frutta in busta, che possono essere così conservati senza ulteriori trattamenti e additivi.

I ricercatori di Singapore hanno infatti scoperto che l’esposizione degli alimenti alla luce led blu è in grado di uccidere quei batteri che sono fotosensibili proprio alla luce blu.

Il led blu ha un importante effetto battericida nei confronti di tre importanti patogeni di origine alimentare, come la Listeria monocytogenes, l’Escherichia coli e la Salmonella. Gli studiosi hanno messo questi batteri sotto le luci led blu ad una distanza inferiore ai due centimetri, man mano che le condizioni del Ph variavano da acide ad alcaline hanno potuto accertarne la neutralizzazione.

Si tratta di una scoperta molto importante che apre nuove frontiere sulla conservazione del cibo, riducendo le sostanze chimiche normalmente impiegate e migliorando la qualità e la sicurezza dei prodotti.

In futuro è probabile che i frigoriferi vengano dotati di illuminazione a led blu, specialmente negli impianti di stoccaggio e conservazione degli alimenti, ma anche nei frigoriferi di supermercati e ristoranti, fino ad arrivare forse anche a quelli di uso domestico.