Arrestato l’ex compagno della ventenne uccisa

0
1

I carabinieri hanno arrestato a Milano Luca Priolo ex compagno di Giordana Di Stefano, la ventenne uccisa a coltellate a Nicolosi. Le ultime notizie da CheDonna.it per la sezione attualità.

Carabinieri (CARLO HERMANN/AFP/Getty Images)
Carabinieri (CARLO HERMANN/AFP/Getty Images)

E’ finita come molti si immaginavano: Giordana Di Stefano, la ragazza di 20 anni trovata morta nella sua auto con profonde ferite inferte da numerose coltellate, era stata uccisa dall’ex compagno e padre della sua bambina che aveva denunciato per stalking. Un copione ormai abituale nella cronaca italiana.

La povera ragazza, mamma di una bimba di 4 anni, era stata trovata cadavere all’interno della sua auto in una strada di campagna di Nicolosi, paese alle pendici dell’Etna, in provincia di Catania. Subito si era sospettato dell’ex fidanzato, Luca Priolo, denunciato per stalking e sono scattate le sue ricerche.

Proprio ieri si era aperta l’udienza preliminare del processo per stalking contro il giovane di 24 anni, che Giordana Di Stefano aveva denunciato il 4 ottobre del 2013. L’imputato non era in aula. Stava fuggendo dopo aver ucciso la ex compagna, diretto a Milano. Ed è a Milano, in Stazione Centrale, che Luca Priolo è stato bloccato dai carabinieri, stava per salire su un treno diretto a Lugano. Quando è stato raggiunto e chiamato per nome dai militari, il ragazzo non ha fatto resistenza, ha ammesso di essere Luca Priolo e poi ha confessato l’uccisione della ex compagna. “Sì, sono stato io…”, avrebbe detto ai carabinieri.

Stando a quanto emerso nelle ultime ore sulla tragica vicenda, tra Giordana di Stefano e Luca Priolo era in corso anche un contenzioso in sede civile per l’affidamento esclusivo della figlioletta di 4 anni. Pare che Priolo avesse acconsentito a lasciare la figlia in affidamento alla ex compagna purché questa ritirasse la denuncia di stalking. Una denuncia che Giordana Di Stefano avrebbe presentato a seguito di atteggiamenti persecutori nei suoi confronti da parte dell’ex fidanzato, come quella volta che le entrò in casa da una finestra, stando a quanto riportano le agenzie di stampa. Luca Priolo aveva bisogno del ritiro della denuncia penale perché voleva lavorare come guardia giurata e con il fascicolo penale aperto non avrebbe potuto farlo, né ottenere il relativo porto d’armi. Con l’uccisione della ex compagna non ha di certo risolto il suo problema.

Nella foto Giordana Di Stefano (dal suo profilo facebook)

Giordana Di Stefano  (Facebook)
Giordana Di Stefano (Facebook)