Fabrizio Corona torna alla vita mondana

0
1

Fabrizio Corona a Roma per un evento mondano. Tutti i particolari da CheDonna.it per la sezione gossip.

Fabrizio Corona
Fabrizio Corona

Dura la vita nella Comunità di Don Mazzi dove dovrebbe scontare la parte resante della pena di 13 anni e due mesi di reclusione per i reati di bancarotta ed estorsione. Fabrizio Corona, che ha già trascorso tre anni in carcere, si trova ora in affidamento in prova ai servizi sociali presso una delle delle comunità “Exodus” di Don Mazzi, in provincia di Varese.

All’ex fotografo dei vip sono stati tuttavia concessi dei permessi speciali per uscire, in occasione della presentazione del film documentario sulla sua vita, “Metamorfosi”, di cui è protagonista, e per la settimana della moda di Milano, dove lo si è visto a bordo passerella. Il giudice si Sorveglianza può infatti concedere a Corona dei permessi speciali per lasciare temporaneamente la comunita di Don Mazzi per motivi legati al suo lavoro.

L’ultima uscita, la terza, è la più recente, quando a Fabrizio Corona è stato consentito di andare fino a Roma alla fiera “Roma Sposa 2015”. Qui il fotografo è stato ospite dell’amico Giampaolo Celli e in occasione di una sfilata è salito brevemente sul palco per salutare il pubblico, ma senza dire nulla perché il permesso per la libera uscita gli consente solo di apparire e non di parlare.

A seguirlo un folto codazzo di fotografi e cameramen, dai quali Corona è sembrato infastidito. L’ex re dei paparazzi è apparso dimagrito, indossando t-shirt bianca, catenina al collo, maglioncino cardigan nero e occhiali scuri, ma era sempre lui. Alla Fiera della Sposa di Roma ad applaudirlo in platea in prima fila c’era il figlio avuto con Nina Moric, Carlos. Nonostante l’intervento muto, per Corona anche presenziare soltanto agli eventi mondani è lavoro.

Nei giorni scorsi, invece, vi avevamo dato notizia di una sua presunta love story con una delle ragazze del duo musicale Le Donatella.

Corona è finito anche nell’intervista rivelazione di Lele Mora a Selvaggia Lucarelli, uscita a fine settembre sul Fatto Quotidiano.