Home Attualità

Alluvione in Costa Azzurra: 21 morti, anche un italiano

CONDIVIDI

E’ satto diffuso ieri sera il bollettino ufficiale delle vittime dell’alluvione in Costa Azzurra. La notizia da CheDonna.it per la sezione attualità.

Alluvione in Costa Azzurra (ANNE-CHRISTINE POUJOULAT/AFP/Getty Images)
Alluvione in Costa Azzurra (ANNE-CHRISTINE POUJOULAT/AFP/Getty Images)

Purtroppo, il numero delle vittime dell’alluvione che nella notte tra sabato e domenica ha devastato la Costa Azzurra, è salito a 21 morti. Uno dei dispersi è stato ritrovato in vita, fortunatamente, ma nella conta dei morti sono state incluse anche persone che non erano state dichiarate disperse, come un barbone, il cui cadavere è stato rinvenuto a Nizza. Tra le vittime c’è anche un italiano, insieme ad una cittadina britannica e a un portoghese, hanno fatto sapere le autorità francesi. Ad essere fatale per diverse vittime è stato scandere nei garage e nei seminterrati per mettere le automobili in salvo dall’acqua. Tragico errore che ha portato alla morte anche la vittima italiana, Giovanni Sabatino, sessantenne.

L’alluvione ha colpito in modo particolare le città di Nizza, Antibes, Cannes, Mandelieu-la-Napoule e il territorio circostante, provocando una devastazione tale da rendere questi luoghi, graziosi e ben curati, meta del turismo d’élite, irriconoscibili. I residenti e i turisti della zona si sono trovati per la prima volta a fare i conti con una marea di fango e di detriti. Molte strutture turistiche, come bungalow e moduli abitativi, sono andati distrutti. Nella furia l’acqua ha travolto tutto e si è assistito anche alla scena surreale di Ferrari e Porsche trascinate via dalla corrente. I ricchi colpiti dall’alluvione come i poveri. Scenari purtroppo sempre più frequenti a causa dei cambiamenti climatici. Sulla zona colpita è caduta una quantità di pioggia pari a quella che cade solitamente in due mesi.

Nella zona è stato dichiarato lo stato di calamità. L’energia elettrica sta tornando in molte delle abitazioni che erano rimaste al buio, mmentre continuano i lavori di rimozione dei detriti e pulitura dal fango.