Home Attualità

Eligia Ardita: la telefonata tra il marito Christian e il fratello

CONDIVIDI

Nuovi dubbi e sospetti sul caso dell’omicidio dei Eligia Ardita, la giovane infermiera all’ottavo mese di gravidanza. I particolari da CheDonna.it nella sezione attualità.

Eligia Ardita (web)
Eligia Ardita (web)

Mentre gli investigatori proseguono nelle indagini sulla morte di Eilgia Ardita, l’infermiera di 36 anni incinta uccisa lo scorso 19 gennaio dal marito Christian Leonardi al culmine di una lite, marito che ha confessato il delitto nei giorni scorsi a seguito degli accertamenti dei Ris nell’appartamento che condivideva con la moglie, nuovi inquietanti particolari emergono sul caso.

La trasmissione Mattino 5 ha fatto ascoltare l’intercettazione effettuata dagli investigatori di una telefonata tra Christian Leonardi e il fratello Pierpaolo. Stando a quanto riportato, il fratello avrebbe cercato di aiutare Christan, suggerendogli di andare dalla vicina di casa e chiederle se avesse sentito rumori strani provenire dal loro appartamento.

Una circostanza agghiacciante, soprattutto perché in questi giorni Pierpaolo Leonardi ha sempre sostenuto la famiglia della cognata, affremendo di non volere avere più niente a che fare con il fratello e dicendo di essere diventato figlio unico, dopo quello che Christian aveva fatto alla moglie.

Ovviamente si tratta solo di illazioni, che dovranno trovare riscontro nelle indagini, e soprattutto accertare in che contesto sia avvenuta la telefonata. Un’intercettazione da sola può trarre in inganno.

In ogni caso, si fa sempre più strada l’ipotesi che Christian Leonardi possa avere avuto dei complici nell’occultare le tracce dell’uccisione della moglie. Così come sostiene la famiglia di Eligia. Ne è convinto il padre, Tino Ardita, che nei giorni scorsi ha detto di nutrire molti dubbi sul fatto che Christian fosse riuscito a nascondere le tracce della colluttazione e dell’uccisione della moglie in poco meno di un’ora, prima di chiamare il 118 e dare l’allarme.

A confermare l’ipotesi dei complici ci sarebbe anche la misteriosa telefonata al 118, durante la quale Christian appare calmo, mentre in sottofondo si sentono rumori sospetti.