Home Attualità

Minacce all’albergatore che ospita i profughi

CONDIVIDI

Un albergatore ospita dei profughi nel suo hotel, ma viene minacciato. La notizia da CheDonna.it per la sezione attualità.

Migranti (GIUSEPPE CACACE/AFP/Getty Images)
Migranti (GIUSEPPE CACACE/AFP/Getty Images)

L’accoglienza di profughi e migranti è un problema sempre più complesso. All’emergenza e alla carenza di strutture fanno seguito purtroppo anche episodi di razzismo. Prima il parroco che minacciava di bruciare la canonica piuttosto che ospitare migranti ora l’albergatore che riceve minacce di incendio al suo hotel se continua ad ospitare i profughi.

In Italia gli albergatori possono accordarsi con il Ministero dell’Interno e le prefetture per ospitare migranti e profughi nelle loro strutture in cambio di un compenso. Una scelta che fanno in tanti, soprattutto quando si tratta di alberghi un po’ vecchi oppure in zone poco turistiche o in crisi. Ricevere un corrispettivo in cambio dell’ospitalità ai migranti, consente a tante strutture di tirare avanti.

Una soluzione che però a molti non piace, perché vedono nell’arrivo dei migranti una minaccia a prescindere. Poi ci si è messo anche il leader della Lega Matteo Salvini che sulla sua pagina Facebook ha spesso pubblicato nomi e numeri di telefono degli alberghi che ospitano profughi, invitando i suoi seguaci a chiamarli e protestare; una sorta di caccia alle streghe con invito al linciaggio pubblico.

Un clima esasperato che non aiuta a risolvere i problemi che ci sono, ma li esaspera.

Da ultimo, un albergatore della Valtellina, che dal 2011 ospita profughi nella sua struttura, è stato pesantemente minacciato. Prima con l’invio di lettere anonime e ora anche con messaggi violenti su Facebook. “Via i migranti dall’hotel o li uccido uno a uno”, era scritto in una lettera che l’albergatore ha ricevuto nelle scorse settimane e che ha subito denunciato. Poi, negli ultimi giorni ha ricevuto via Facebook altre minacce, co

Ora una nuova denuncia, riguardanti a nuove minacce che invitavano “a incendiare l’hotel di Cosio Valtellino che accoglie i profughi”, come riporta il Corriere della Sera. “Diamo fuoco all’albergo” che “sta a due minuti da casa mia”, ha scritto su Facebook un utente di cui appaiono nome, cognome e soprannome, con tanto di foto. Per le forze dell’ordine non sarà un problema individuarlo.

L’albergatore ha denunciato le nuove minacce ai carabinieri di Morbegno, comune dove si trova il suo albergo. Delle minacce sono state informate anche la Digos della Questura di Sondrio e la Prefettura di Sondrio, per conto della quale l’albergatore ospita circa 80 richiedenti asilo.