Danzatrici del ventre condannate: danneggiano l’immagine dell’Egitto (video)

Carcere per due danzatrici del ventre in Egitto.

(screenshot YouTube)
(screenshot YouTube)

Si chiamano Suha Mohammed Ali e Dalia Kamal Youssef e sono due danzatrici del ventre egiziane finite alla sbarra nel loro Paese e condannate per “dissolutezza“. La storia da CheDonna.it.

Egitto: condannate danzatrici del ventre

Suha Mohammed Ali, conosciuta come Shakira l’”egiziana”, e Dalia Kamal Youssef, con il nome d’arte di Bardis, sono le due danzatrici condannate in Egitto per “violazione della morale pubblica” e “incitamento alla dissolutezza“.

Le due donne sono finite sul banco degli imputati per due videoclip dei loro ultimi rispettivi brani, in cui le si vede ballare, muovere e atteggiarsi come le star occidentali Beyoncé, Rihanna e Shakira, piuttosto che come danzatrici del ventre tradizionali.

I loro video mostrano in modo palese e provocante parecchie allusioni sessuali, troppo per un Paese come l’Egitto. Per questo motivo un tribunale di Agouza le ha processate e condannate a sei mesi di carcere. Le due donne, ha sostenuto l’accusa, nei loro video, con gli abiti “succinti” e gli atteggiamenti “discinti”, “incitano alla dissolutezza” e “danneggiano l’immagine dell’Egitto“.

Ad appoggiare la magistratura egiziana è il sindacato dei musicisti egiziani, che ha annunciato la messa al bando dell’abbigliamento troppo succinto per le cantanti. La motivazione del divieto è la “necessità di rispettare valori e tradizioni egiziane”.

Non è la prima volta che danzatrici del ventre vengono condannate. Già a marzo un’altra famosa danzatrice del ventre egiziana, Sanchez, era stata condannata a sei mesi di reclusione per “offesa alla bandiera nazionale”, la donna, infatti, aveva danzato coprendosi con la bandiera dell’Egitto.

Di seguito vi mostriamo i due video incriminati delle danzatrici del ventre condannate.

Il video del brano “Felfel we El Kamoun” di Shakira “l’egiziana”.

Il video del brano “Ya Wad Ya Te2eel” di Bardis

Da leggere