Home Attualità

Accusata di anoressia, la modella risponde

CONDIVIDI

L’hanno definita “scheletro”, “disgustosa”, “vergognosa” e c’è anche chi l’ha invitata a “mangiarsi un panino”. Genevieve Barker  ha visto piovere sul suo profilo Instagram insulti di ogni genere, tutti essenzialmente basati su un assunto da lei non condiviso: “sei anoressica”.

PicMonkey Collage

La modella, dopo diverse vicissitudini, ha deciso di prendere posizione e dare spiegazioni, magari anche non dovute, sul suo stato estetico e di salute. CheDonna.it vi riferisce le sue dichiarazioni.

La risposta di Genevieve Barker a chi le dà dell’anoressica

La via scelta da Genevieve Barker per ribattere a quanti la criticavano senza troppo riguardo per la sua persona è stato ribaltare la loro tesi. Cosa sarebbe accaduto se l’avessero accusata di esser obesa e non anoressica? Ecco la sua spiegazione al Daily Mail Australia:

Vedo in continuazione articoli in cui le persone che insultano i grassi vengono condannate. E non capisco perché, invece, – per sostenere quelle che vengono definite ‘donne vere’ – la gente si senta in diritto di dire che una donna magra è ‘disgustosa’.

Una considerazione che fa pensare a come le vie della discriminazione e dell’offesa siano ogni volta più estese di ciò che pensiamo. Genevieve vuole però affrontare anche un’altra tematica dibattuta oramai da tempo immemore: è vero che l’anoressia trovi terreno fertile nel mondo della moda? Assolutamente no, trattasi semplicemente dell’ennesima generalizzazione. Genevieve deve ala sua, ad onor del vero, notevole magrezza a tutt’altro:

Mi alleno tanto per avere questo corpo. Sono naturalmente esile, ma faccio esercizio quasi ogni giorno. Praticamente mi alleno quanto un’atleta; mangio quello che mi dà energia per fare palestra e per sostenermi nelle lunghe giornate di casting e servizi. Sono sana e forte. E, sì, sono magra.

Giudicare se tale stile di vita e la magrezza della modella siano o meno appropriati non sta certo a noi e, senza dubbio, nemmeno ai tanti follower di Instagram che, forti dell’anonimato del web, si inerpicano in facili giudizi. In find ei conti chi può dirsi perfetto?