Home Cultura

Gli appunti dei coniugi Curie. Un pericolo per la salute!

CONDIVIDI

Se vi è capitato, durante la vostra “carriera” scolastica, di studiare un minimo di scienze e di chimica, non potete non essere incappati nei coniugi Marie e Pierre Curie.

A loro si devono i primi studi sulla radioattività e sempre grazie a loro si deve la scoperta di due elementi radioattivi: il polonio ed il radio.

C’è però una particolarità, una curiosità, di cui forse non tutti sono a conoscenza e che riguarda i quaderni di appunti raccolti negli anni dai due scienziati.

 Curie

 

Gli appunti sono conservati in maniera molto particolare

Marie Curie, di origine polacca poi naturalizzata francese, vinse un premio Nobel per la fisica nel 1903 ed uno per la chimica nel 1911. Fu anche la prima donna ad insegnare all’Università della Sorbona di Parigi.

Insieme a suo marito Pierre, furono, come già accennato, gli scienziati che per primi si occuparono degli studi degli isotopi radioattivi e che scoprirono elementi come il polonio ed il radio.

Fu proprio a causa dei loro studi, e quindi della continua esposizione a sostanze così pericolose, che Marie morì nel 1934 per un’anemia aplastica del sangue. Pierre era invece venuto a mancare diversi anni prima (nel 1906) a causa di un grave incidente avvenuto con una carrozza.

In un recente articolo comparso sulla rivista Focus, si apprende che anche i loro appunti e manoscritti vari, essendosi trovati in continua presenza di elementi così pericolosi per la salute umana, hanno assorbito parte di tale radioattività, tanto che oggi essi sono conservati nella Biblioteca Nazionale di Parigi in appositi contenitori di piombo e per essere consultati è necessario indossare, previa firma di una specifica liberatoria, dei particolari abiti protettivi.

Non solo. Anche la loro abitazione, che fu sede della facoltà di Fisica Nucleare della stessa Sorbona dal 1934 al 1978, richiese nel 1991 una particolare bonifica ed una decontaminazione.