I capricci dei bambini: come affrontarli

I capricci dei bambini sono un vero e proprio spauracchio per molti genitori.

Bambina capricci (Thinkstock)
Bambina capricci (Thinkstock)

Urla, strepiti, pianti a dirotto, lamentele, crisi di nervi, indisponibilità all’ascolto. Sono le reazioni tipiche dei bambini quando fanno i capricci. Queste situazioni gettano nel panico molti genitori, ma le soluzioni per ovviare al problema ci sono. CheDonna.it ve le spiega.

Capricci dei bambini

Per risolvere i capricci dei bambini esistono alcune regole semplici che ogni genitore può mettere in pratica. Ci vuole un po’ di impegno, ma non è impossibile. Lo spiegano nel loro libro “Smettila di fare i capricci!“, Roberta Cavallo e Antonio Panarese, formatori specializzati nell’infanzia secondo natura e consulenti genitoriali. Secondo i due autori, la prima regola da seguire in questi casi è quella di “assecondare le leggi che Madre Natura ha previsto per la crescita dei bambini“. Inoltre, sottolineano i due formatori, prima “di regole, spiegazioni morali, punizioni”, i bambini hanno “bisogno di attenzioni, amore, accoglienza, sostegno e comprensione”.

Di fronte ad un bambino che fa i capricci, occorre evitare le punizioni, perché rischiano solo di spaventarlo, confonderlo e umiliarlo. Allo stesso modo, va evitata anche l’abitudine di complimentarsi con il bambino quando fa quello che il genitore vuole, il cosiddetto “rinforzo positivo”, perché in questo modo il bambino “rinuncia ad essere se stesso, per adattarsi al bambino ideale (ma non reale) che i genitori hanno in testa”. Un consiglio quest’ultimo sicuramente molto difficile da seguire per alcuni genitori.

Dopo un’analisi del rapporto e delle dinamiche genitori-figli, gli autori del libro offrono delle soluzioni pratiche per risolvere le difficili, e a volte esasperanti, situazioni che si creano quando i bambini fanno i capricci. Gli autori le hanno chiamate le “12 sfingi i per risolvere qualsiasi capriccio”. Noi ve le riassumiamo in quattro passi fondamentali.

Sintonia genitori-bambini

Famiglia (Pixabay)
Famiglia (Pixabay)

Anche di fronte a bambini urlanti e strepitanti, occorre non perdere la pazienza e cercare di sforzarsi di comprendere le ragioni del disagio dei figli, cercare di capire quanto i bambini abbiano bisogno dei genitori in quel momento. I genitori devono imparare a gestire e padroneggiare la situazione, anche accogliendo la propria esasperazione per poi lasciarla andare e mantenere di conseguenza un atteggiamento sufficientemente distaccato e presente a se stesso nel rapporto con il bambino. D’altro lato, occorre consentire al bambino di esprimere quello che prova o aiutare farlo, nel caso non ci riesca da solo, guardandolo negli occhi.