LIBRI: ‘Generazione perduta’

63322xOggi, CheDonna, per la categoria Libri, vi propone una novità.

Testament of Youth è un classico della letteratura inglese, la storia insieme intima ed eroica di un’intera generazione narrata da una donna fuori del comune, Vera Brittain.

Nel centenario della I Guerra Mondiale Giunti Editore lo porta in Italia per la prima volta; titolo Generazione perduta, quella che si era affacciata al Novecento con vitalità, progetti e speranze per vederli presto distrutti dalla Grande Guerra: 640 pagine di grande scrittura femminile, umanità e impegno civile.

Con il nostro Paese il libro e la Brittain hanno un legame particolare: lei stessa ha voluto che le sue ceneri fossero disperse sull’altopiano di Asiago, teatro degli spaventosi combattimenti nei quali morirono suo fratello e tanti suoi affetti. In UK, Francia e USA Testament of Youth sta arrivando al cinema nell’omonimo film di James Kent con Alicia Vikander e Kit Harington; da noi si vedrà in tv.

Nel 1914 Vera Brittain è una giovane brillante e anticonformista, decisa a cambiare un destino di moglie e madre tradizionale diventando una delle prime donne ammesse in un selettivo college di Oxford. Con l’egocentrismo dei suoi vent’anni, inizialmente Vera considera la Grande Guerra soprattutto una scomoda interruzione delle proprie attività. Presto però la portata degli eventi che stanno travolgendo l’Europa diventa chiara: la devastazione non è solo materiale, ma anche psicologica e spirituale.

Lasciata Oxford, la Brittain diventa infermiera volontaria e serve a Londra, a Malta, in Francia mentre il fratello, il fidanzato, gli amici più cari perdono la vita nelle trincee.

Sopravvivere a tutto e tornare a un nuovo genere di normalità non sarà facile; la aiuterà raccogliere le sue memorie in Testament of Youth, opera sincera e struggente, testamento ideale e tributo alla sua generazione riconosciuto tra i classici della letteratura inglese fin dalla sua uscita, avvenuta nel 1933.

Dopo una risurrezione psicologica e affettiva tormentate, Vera dedicherà il suo impegno di scrittrice, attivista e giornalista ai diritti delle donne e al pacifismo.

Un impegno condiviso con il marito, il filosofo politico George Catlin, e raccolto dalla figlia Shirley Vivian Teresa Brittain Williams, Baroness Williams of Crosby, accademica di fama e politica, parlamentare per il Labour e fondatrice del Social Democratic Party, attiva sui temi dei diritti civili, del nucleare, del welfare.

Vera Brittain (1893-1970), tra le prime donne ammesse a Oxford, è stata scrittrice, giornalista, intellettuale pacifista impegnata sul fronte dei diritti delle donne. Dopo aver partecipato alla Prima Guerra Mondiale come infermiera volontaria e avervi perso gli affetti più cari, nel 1933 pubblicò Testament of Youth, subito definito dalla critica «il libro capace di spiegare una generazione alla successiva». Per sua espressa volontà le sue ceneri sono sparse sull’altopiano di Asiago (VI), dove è sepolto il fratello.

Da leggere