Caldo: allarme afa sull’Italia

Il caldo di questi giorni raggiunge il picco massimo oggi.

Caldo a Roma (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)
Caldo a Roma (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Si preannuncia un’altra giornata di canicola, dopo che anche ieri le temperature sono state elevate in tutta Italia. Nella notte in molti non sono riusciti a prendere sonno. Oggi è atteso il picco massimo. Le ultime notizie da CheDonna.it.

Allarme caldo sull’Italia

Le ondate di calore non stanno dando tregua. La notte scorsa è stato difficile chiudere occhio e oggi ci aspetta una giornata ancora peggiore, con punte fino a 40 gradi centigradi al Centro-Nord, la parte d’Italia maggiormente colpita dal caldo eccezionale.

Lo scorso weekend è stata una due giorni di passione, con il bollino rosso in 10 città italiane e due morti che si sono verificate nel bergamasco. Le ondate di caldo africano hanno colpito soprattutto il Nord Italia, con temperature molto al di sopra della media, insolite per città del nord come Bolzano. Nei centri urbani più grandi, come Milano, Torino e Bologna, poi, il caldo percepito, a causa di afa e umidità, è stato ben più alto delle temperature effettive. Oggi al Centro-Nord sono attese temperature massime comprese fra 35 e 40 gradi e in molti luoghi quelle percepite saranno di oltre 40 gradi.

Solo nella giornata di giovedì il caldo inizierà a dare una tregua al Centro-Nord, quando l’aria bollente si sposterà al Sud, interessando questa volta le regioni meridionali. Al Nord e in parte anche al Centro si avrà un temporaneo sollievo dall’afa, anche se le temperature rimarranno comunque alte. Non fatevi troppe illusioni, però, perché da domenica 12 luglio, spiegano i meteorologi di Epson Meteo, ritornerà l’Anticiclone Nord-Africano, con la sua ondata di caldo rovente. Le temperature inizieranno a calare solo nella seconda decade di luglio.

Nel frattempo, ieri a Milano si sono registrati diversi black out dell’energia elettrica a causa dei numerosi condizionatori accesi in città per avere un po’ di refrigerio. Le interruzioni dell’energia elettrica si sono verificate a partire dalla tarda mattinata, nelle ore più calde, fino alla sera. Maggiormente colpita è stata la zona nord della città, ma anche il centro e le zone est e ovest. Nel complesso, sono state circa 80 le vie di Milano rimaste senza luce, alcune anche per diverse ore. La maggior parte delle vie colpite dal black out ha riguardato la zona compresa tra Porta Venezia e Piazza V Giornate. In centro, la luce è saltata in via Torino e corso Vittorio Emanuele. L’energia elettrica è tornata lentamente intorno alle 22, causando non pochi disagi alla popolazione. Problemi si sono registrati anche al Palazzo di Giustizia.

In attesa di un’altra giornata infuocata, intanto, vi ricordiamo i nostri consigli su come affrontare il caldo senza aria condizionata.

Da leggere