Bimba abbandonata in ospedale a San Severo

Una triste storia di abbandono dalla provincia di Foggia.

Una bimba in un ospedale pediatrico (JOEL SAGET/AFP/Getty Images)
Una bimba in un ospedale pediatrico (JOEL SAGET/AFP/Getty Images)

Una bambina di 6 mesi è stata abbandonata all’ospedale di San Severo, in provincia di Foggia. I particolari da CheDonna.it.

Bimba abbandonata

Era dentro un passeggino in un corridoio dell’ospedale Masselli-Mascia di San Severo, in provincia di Foggia. Così il personale sanitario si è accorto che una bambina di appena sei mesi era stara abbandonata. Pensando ad un momentaneo allontanamento della madre, i sanitari hanno cercato la donna, ma senza risultato. La piccola non era stata lasciata lì durante una visita o in un momento di dimenticanza. Era stata volutamente abbandonata.

I medici hanno subito visitato la bambina e ne hanno accertato le buone condizioni di salute. Ora è ora accudita nel reparto di pediatria dell’ospedale di San Severo. In attesa, si spera, di ritrovare la madre, alla bambina è stato dato il nome di Elisabetta.

La piccolaa ha occhi chiari e capelli biondi, il che fa pensare che possa essere figlia di una donna dell’Est Europa, che l’ha abbandonata perché non poteva più occuparsi di lei. Nel frattempo, mentre le autorità sono alla ricerca della donna, il sindaco di San Severo, Francesco Miglio, ha rivolto un appello alla famiglia della bambina, dando la disponibilità del Comune per un’assistenza qualora l’abbandono fosse dovuto a motivi economici. L’amministrazione farà “il possibile al fine di assicurare la crescita della bambina con la propria mamma”, ha assicurato il sindaco.

La notizia è stata riportata dalla Gazzetta del Mezzogiorno. Intanto è scattata la solidarietà degli abitanti di San Severo, che hanno generosamente donato alla piccola vestiti, giochi, bavaglini e scarpine. Qualcuno ha regalato anche una carrozzina. La piccola Elisabetta è circondata dalle cure e dall’affetto del personale sanitario dell’ospedale e dall’amore che hanno saputo trasmetterle gli abitanti di Sa Severo. Le manca solo quello della sua mamma.

Da leggere