LIBRI: ‘I racconti di Barcellona’

I racconti di Barcellona - Fabrizio AcanforaOggi, CheDonna, per la categoria Libri, vi propone una novità: I racconti di Barcellona.

Dal 4 Giugno scorso è finalmente disponibile in Italia, in formato digitale per Officine Editoriali, “I racconti di Barcellona”, opera prima di Fabrizio Acanfora. Autore napoletano-europeo, Acanfora giovanissimo è partito dalla sua amata Napoli per iniziare un pellegrinaggio che lo ha visto maturare artisticamente e umanamente prima in Olanda e poi in Spagna. In l’Olanda ha avuto la possibilità di perfezionare l’arte di suonare e costruire clavicembali, sotto la guida di due importanti costruttori. A Barcellona poi, città più clemente meteorologicamente e più consona alla sua anima latina, ha potuto mettere pienamente in pratica la sua arte di costruttore e musicista.

Acanfora ha ambientato i suoi racconti in una Barcellona lontana dallo stereotipo che se ne conosce a livello internazionale. Da anni cittadino del capoluogo catalano, conosce bene la città e ne ha colto alcuni spaccati di vita che la rendono profondamente umana e tremendamente allineata al contesto storico globale, oltre lo sfavillio rutilante del divertimento e dell’eccesso che travolge quotidianamente turisti e indigeni.

“Nei miei racconti, così come nella vita di ognuno di noi, le speranze a volte fanno più male della realtà. In questo modo riusciamo a comprendere perfettamente Eva quando continua a domandarsi se ha sbagliato qualcosa in quello che ha fatto fino a quel punto della sua vita: lei, giovane donna laureata in fisica con voti altissimi, i più alti, e che partecipa, pur di lavorare, alle tragicomiche selezioni di una multinazionale per un altrettanto tragicomico lavoro.”

Acanfora nella sua scrittura si serve a piene mani di sarcasmo e ironia per descrivere situazioni in cui la vita è rappresentata nella sua intima verità, la percezione del dolore e delle gioie è del tutto personale e anche l’ostacolo più banale può diventare una tragedia insormontabile se esso rappresenta la propria personale tragedia privata.

Ha sempre considerato la scrittura il suo rifugio segreto e ha deciso, infine di condividerla.

Trama

Luccica Barcellona. Nei dépliant e nelle fotografie dei turisti; nei monumenti e nei divertimenti notturni; nei suoi eccessi e nella sua riservatezza. Luccica in superficie, dove l’attenzione si ferma, non certo nei rapidi sguardi impietosi, a volte sarcastici ma profondi che condensano frammenti di vita che potrebbero appartenere a molti. Nei racconti di Fabrizio Acanfora, la vita è quella che è, la percezione del dolore o delle gioie è personale perché anche l’ostacolo più banale può diventare una tragedia senza soluzione, se quell’ostacolo è la tua tragedia privata. Così le speranze fanno più male della realtà; lo sa Eva, giovane laureata che pur di lavorare partecipa alle tragicomiche selezioni di una multinazionale; lo sanno Cecilia e Gregori e Manolo e Maria che cercano di sottrarsi con ogni mezzo all’alienazione di una società sempre più indifferente; lo sa Asunciòn, anziana e rispettabile signora, che si trova coinvolta in una rapina e finisce per agire da criminale essa stessa. Attraverso una narrazione intrisa di sarcasmo e ironia, l’autore ci introduce per un attimo nella quotidianità a volte grottesca e surreale dei protagonisti, lasciandoci affascinati.

L’ebook è disponibile su tutte le librerie online e sul sito di Officine Editoriali.

Da leggere