Terrorismo: smantellata una cellula che progettava attentati in Italia

Vasta operazione antiterrorismo in Italia.

Carabinieri del Ros (MARIO LAPORTA/AFP/Getty Images)
Carabinieri del Ros (MARIO LAPORTA/AFP/Getty Images)

Mentre il mondo cerca di risollevarsi dallo shock degli ultimi attentati terroristici di matrice islamista, in Italia un imponente operazione di polizia è stata smantellata una cellula di fondamentalisti che progettava un attentato nel nostro Paese. I dettagli da CheDonna.it.

Smantellata cellula terroristica in Italia

Una vasta operazione di polizia in Italia è scattata questa mattina all’alba contro il terrorismo internazionale di matrice islamista. Alcuni blitz sono stati messi a segno da polizia e carabinieri del Ros in diverse parti di Italia. Arresti e perquisizioni sono stati effettuati nelle province di Milano, Bergamo e Grosseto e in una cittadina dell’Albania. Sono finiti in manette due cittadini maghrebini, arrestati dai carabinieri del Ros con l’accusa di terrorismo internazionale, mentre un terzo indagato si trova già in carcere in Marocco, sempre per reati di terrorismo.

L’inchiesta è coordinata dalla Procura di Roma e riguarda una cellula di terroristi fondamentalisti islamici legata ad Al Qaeda che secondo gli investigatori “si proponeva anche la pianificazione ed esecuzione di atti terroristici in Italia e in Nord Africa“. La cellula avrebbe praticato il proselitismo, l’indottrinamento dei nuovi adepti e avrebbe gestito l’addestramento dei miliziani attraverso un sito web.

La polizia ha arrestato, tra Milano, Bergamo, Grosseto a l’Albania, 10 persone, di cui 4 italiane, 5 di nazionalità albanese e una di nazionalità canadese, accusate a vario titolo di associazione con finalità di terrorismo e di organizzazione di viaggio per finalità di terrorismo. Si tratta dei componenti di due famiglie che secondo gli investigatori sarebbero state pronte ad andare a combattere in Siria con i jihadisti. Delle due famiglie, una è formata da cittadini italiani convertiti all’Islam e decisi a partire per la Siria, l’altra da cittadini albanesi residenti in provincia di Grosseto. I due nuclei sono legati tra loro per via del matrimonio tra una ragazza italiana e un albanese, avvenuto nel settembre dello scorso anno. Dopo le nozze i due sposi sono partiti per la Siria.

La ragazza italiana convertita all’Islam e partita per la Siria

(continua la lettura)

Da leggere