Don’t shake the baby, ecco come cullare un bimbo che piange

Quante volte di fronte ad un neonato che piange, lo abbiamo preso tra le braccia e lo abbiamo fatto dondolare per cercare di calmarlo? Uno studio scientifico ha svelato i danni derivanti dal cullare in modo troppo energetico i neonati, può provocare alla loro salute. Chedonna.it vi svela la ricerca scientifica che ha messo in luce questo pericolo.

bimbo

Il pianto dei bimbi è un loro modo di comunicarci un bisogno  o un disagio. Premettendo che se il pianto diventa ripetuto, i genitori dovranno recarsi dal pediatra per escludere problemi di salute, quando un neonato è in preda ad un pianto disperato ha bisogno di essere cullato dolcemente e riportato nell’atmosfera dolce e ovattata che aveva nell’utero  a pieno contatto con la sua mamma.

Come cullare i neonati nel modo giusto

Una volta accolti dolcemente tra le braccia i bimbi si calmeranno. Lo scuotimento troppo energetico del neonato può provocare dei danni seri alla salute del piccolo.

Una progetto che porta il nome di “Don’t shake the baby” a cura della Professoressa Cinzia Magnani realizzato sotto il patrocinio e la collaborazione di Associazione Colibrì, Ausl e Azienda ospedaliero-Universitaria di Parma con il contributo di Comune di Parma e Fondazione Cariparma, ha dimostrato che i neonati non vanno cullati, scuotendoli in modo energico perchè i muscoli del loro collo sono ancora molto deboli e i movimenti troppo bruschi potrebbero causare lesioni importanti al sistema nervoso, danni alla vista e perfino convulsioni.

Un modo per rilassare i neonati è quello di immergerli in un bagno di acqua calda, proprio per riportare il bimbo nell’ambiente sicuro e protetto dell’utero materno.