Attentato a Lione: un’esplosione e un uomo decapitato

Attentato terroristico questa mattina in Francia.

Attentato vicino a Lione (PHILIPPE DESMAZES/AFP/Getty Images)
Attentato vicino a Lione (PHILIPPE DESMAZES/AFP/Getty Images)

Terrore in Francia, questa mattina un attentato ha colpito un impianto di gas vicino a Lione. Le ultime notizie da CheDonna.it.

Attentato in Francia

A poco più di sei mesi dalla strage a Charlie Hebdo, un altro attentato terroristico ha colpito oggi la Francia. Un’esplosione si è verificata in un impianto di gas vicino a Lione, a Saint-Quentin-Fallavier, nella regione dell’Isère.

L’attacco è di probabile matrice islamica, la prudenza è d’obbligo, e si è verificato in un impianto di gas industriale, l’Air Products, a circa 30 chilometri da Lione. Qui due uomini che erano a bordo di un’automobile hanno fatto irruzione e hanno colpito alcune bombole di gas provocando un’esplosione. Ancora non si hanno dettagli più precisi sull’accaduto. Poco dopo l’esplosione, il cadavere di un uomo è stato trovato decapitato, con la testa a poche decine di metri, appesa alla recinzione dell’impianto che dà sulla statale Rd311. Sulla testa sono state trovate alcune iscrizioni in arabo. Secondo alcune indiscrezioni sarebbe stata appesa anche una bandiera dell’Isis, il feroce gruppo terroristico che da mesi insanguina l’Iraq e la Siria. Tuttavia si tratta di una informazione che deve essere ancora confermata.

Nel frattempo, la polizia ha fermato uno dei due presunti attentatori, si tratta di un uomo di circa 30 anni già noto ai servizi di sicurezza interni francesi. L’uomo al momento è sotto interrogatorio. L’altro presunto attentatore è riuscito a scappare ed è ricercato dalla polizia.

Il bilancio dell’attentato è al momento di un morto e due feriti. I dipendenti dell’impianto di gas sono sotto choc e sono stati trasferiti in una palestra in un Comune vicino. Lo stabilimento si trova in una zona isolata, a circa metà strada tra Lione e Grénoble.

Il primo ministro Manuel Valls è accorso subito sul posto e ha ordinato il rafforzamento della sicurezza in tutti i siti sensibili della regione. Sul luogo dell’attentato stanno arrivando anche il ministro dell’Interno Bernard Cazeneuve e quello degli Esteri Laurent Fabius. Il presidente francese François Hollande ha parlato dal Consiglio europeo di Bruxelles, riferendo i dettagli sull’accaduto ed esprimendo le sue condoglianze per la vittima. Hollande ha detto che la Francia non si farà prendere dalla paura e che le autorità stanno indagando. Il presidente francese lascerà il vertice europeo in anticipo per tornare a Parigi. Per le 15 di oggi è convocato il Consiglio di Difesa.

Intanto sui siti web affiliati ai gruppi jihadisti sono apparsi messaggi di festeggiamento per l’attentato in Francia.

Da leggere