Sparatoria in una chiesa negli Usa: è strage

Ancora una strage della follia negli Stati Uniti. Un uomo ha sparato in una chiesa.

Un giovane bianco ha sparato all’impazzata in una chiesa di Charleston, in South Carolina. I particolari da CheDonna.it.

Strage in chiesa negli Stati Uniti

Negli Stati Uniti non sono nuovi i casi di stragi da sparatorie per mano di folli. Purtroppo anche ieri il fenomeno di è ripetuto. A Charleston, in South Carolina, un giovane bianco di 21 anni ha fatto irruzione in una chiesa frequentata da afroamericani, durante una funzione, e ha sparato all’impazzata. Nove persone sono state uccise, tra loro anche il pastore della chiesa, il reverendo Clementa Pinckney, 42 anni, senatore democratico del Senato della Carolina del Sud. La sparatoria sarebbe avvenuta durante una lettura della Bibbia.

Il killer è riuscito a scappare e la polizia ha aperto una gigantesca caccia all’uomo. Stando all’identikit diffuso dalle autorità, il ventunenne ha i capelli biondi e indossa una maglia grigia e un paio di blue jeans. Tra le vittime della strage, otto sono morte sul colpo, mentre la nona a seguito del ricovero in ospedale. Ci sarebbe anche un ferito, di cui però non si conoscono le condizioni.

“E’ una tragedia incomprensibile”, ha detto il sindaco di Charleston Joe Riley. Secondo il capo della polizia, Greg Mullen, si tratta con ogni probabilità “un crimine d’odio” razziale e come tale verrà investigato, ha fatto sapere. “Stiamo facendo tutto quanto in nostro potere” per trovare lo stragista, ha assicurato Millen. Le autorità hanno messo in guardia la popolazione sulla pericolosità del giovane: si tratta di un killer estremamente pericoloso, che ha agito da solo. “Ancora non sappiamo tutti i dettagli di quanto e successo, ma sappiamo che non comprenderemo mai cosa possa indurre qualcuno ad entrare in uno dei nostri luoghi di preghiera per uccidere delle persone”, ha dichiarato il governatore della South Carolina, Nikki Haley.

Charleston e il South Carolina appartengono al profondo Sud degli Stati Uniti da sempre caratterizzato dal razzismo nei confronti degli afroamericani e dai conflitti razziali. Proprio a Charleston recentemente un poliziotto bianco di nome Michael Slager è stato incriminato per aver sparato ad un nero, Walter Scott, uccidendolo mentre fuggiva disarmato. L’intera scena è stata ripresa con un telefonino e poi pubblicata su internet.

La chiesa dove è avvenuta la strage è la Emmanuel African Methodist Episcopal Church, costruita ai primi dell’800 in stile gotico, una delle più antiche nel sud degli Stati Uniti e iscritta nel registro nazionale dei luoghi storici. Si tratta di una delle più importanti congregazioni di afroamericani nella regione.

Oggi a Charleston Jeb Bush, candidato repubblicano alle presidenziali Usa del 2016, aveva in programma una visita elettorale in città. Visita che è stata cancellata per motivi di sicurezza.

Da leggere