Home Attualità Samantha Cristoforetti: il corpo umano dopo 200 giorni nello spazio

Samantha Cristoforetti: il corpo umano dopo 200 giorni nello spazio

CONDIVIDI

7. Debolezza muscolare

Il comandante russo Anton Shkaplerov aiutato ad uscire dalla Soyuz (IVAN SEKRETAREV/AFP/Getty Images)
Il comandante russo Anton Shkaplerov aiutato ad uscire dalla Soyuz (IVAN SEKRETAREV/AFP/Getty Images)

Rimanere molto tempo nello spazio significa anche subire un indebolimento dei muscoli, che in assenza di gravità vengono utilizzati molto poco. Anche per rafforzare i muscoli gli astronauti fanno continuo esercizio fisico. Un viaggio nello spazio può quasi dimezzare la potenza fisica di un essere umano. Per questo motivo, al ritorno sulla Terra gli astronauti sono sottoposti ad un lungo training per recuperare la forza fisica.