Jovanotti, intervento shock all’Università di Firenze

Pochi giorni fa, per la precisione il 3 giugno 2015, Jovanotti è stato invitato all’Università di Firenze per parlare di identità, lavoro, futuro e scuola. Molti i passaggi interessanti ma uno, in particolare, attira l’attenzione di chi lo ascolta.

Schermata 2015-06-10 alle 10.23.18

Alla domanda “cosa è cambiato negli ultimi 15 anni?” il cantante risponde raccontando un’esperienza personale, non solo assai particolare ma anche portatrice di conclusioni e considerazioni personali senza dubbio di peso.

Il passaggio shock dell’intervento di Jovanotti all’Università di Firenze

“Sono stato invitato ad un summit privato, molto molto esclusivo”. Così inizia la risposta di Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, che utilizza una sua esperienza personale per spiegare i cambiamenti politico-sociali degli ultimi anni.

Una grande azienda del mondo virtuale avrebbe organizzato questo vertice ricco di personalità più che di spicco: 80 persone tra femministe, economisti, personalità della finanza e molto altro ancora, che, a parere dell’azienda in questione, avrebbero dovuto progettare il futuro del Pianeta.

Obbiettivo di un certo peso, direte voi, e anche Jovanotti la pensa così tanto da porsi un quesito: perché tra questi 80 personaggi non c’era neanche un politico? Quando il cantante ha posto la domanda gli avrebbero risposto in modo a dir poco lapidario: “perché non servono”.

A quanto pare dunque nei luoghi che contano, quelli in cui, come dice il cantante, “si decidono le cose”, i politici vengono scartati. Secondo Jovanotti il significato di una simile scelta è chiaro: la situazione è drammatica ma, a quanto pare, la politica ha fallito per una sua innata caratteristica, “la ricerca del consenso”. Secondo Jovanotti, cercare consenso implica fornire una “gratificazione immediata” e ciò è qualche cosa di innaturale per la politica, che dovrebbe invece esser proiettata verso mete ben più lontane. Risultato? Grazie al cielo, dice, “le visioni ce le hanno altri”. Il cantante spiega infatti che la politica è stata sostituita da personalità diverse quando si tratta di costruire il futuro: imprenditori, amministratori delegati e altre personalità intraprendenti decidono le sorti del Pianeta.

E l’Italia? Al summit non erano presenti molti italiani se non il cantante stesso ma, secondo lui, per il futuro il peso del nostro Paese crescerà: se i giovani riusciranno a proiettare i loro sogni nel reale contesto attuale le opportunità non mancheranno.

Riascoltiamo ora l’intervento di Jovanotti all’Università di Firenze grazie ad un video pubblicato dalla pagina Youtube ATTACCO AL POTERE . Numerosi commenti dell’autore del filmato accompagnano la visione dell’intervento di Jovanotti e ci suggeriscono diversi spunti critici: a voi i commenti.

Da leggere