Disabile presa a sassate da coetanei

Ennesimo caso di violenza e discriminazione nei confronti di un disabile. Una vicenda agghiacciante accaduta a Milano dove una ragazzina con un ritardo psichico è stata aggredita, in un giardino pubblico nel quartiere Giambellino.

bullismo

La madre della piccola vittima di 13 anni ha raccontato che la bambina è stata presa a sassate da un gruppo di coetanei. La donna che è intervenuta prontamente ha subito chiamato le forze dell’ordine, mentre sulla bambina sono state accertate alcune ferite superficiali. Come riporta il quotidiano Repubblica la vittima che va a scuola, per la sua patologia è seguita da una casa di cura.

La polizia sta indagando sul caso. Secondo la ricostruzione dei fatti, l’aggressione è avvenuta nel tardo pomeriggio di domenica, verso le 19h50. Un gruppo di quattro o cinque ragazzini coetanei della vittima erano in un giardinetto situato in via Gonin, zona Lorenteggio e hanno avvicinato la ragazzina, iniziando a prenderla in giro. Successivamente i ragazzi le hanno scagliato contro delle pietre.

La bambina ha subito chiamato la madre che, allarmata dal fatto che la figlia stava piangendo, ha immediatamente avvertito il 118 e la polizia. Sul posto sono intervenuti gli agenti, ma nel frattempo gli aggressori si erano dati alla fuga. La bambina è stata invece portata all’Ospedale San Paolo, dove le sono stati diagnosticati 4 giorni di prognosi a causa dei lividi riportati sulla schiena. Adesso, l’Ufficio di Prevenzione Generale sta tentando di identificare i ragazzi per procedere nei loro confronti.

Un caso di bullismo che ci lascia sconcertati e per cui ci chiediamo dove siano i genitori di questi ragazzi e che tipo di educazione stanno trasmettendo ai loro figli. Il bullismo è un fenomeno che si sta sempre più diffondendo in questi ultimi anni per cui le istituzioni come la scuola sono intervenute avviando una serie dei iniziative per sensibilizzare l’opinione pubblica.

Da leggere