Home Attualità

MUSICA: Daniele Ronda & Folklub continuano a girare l’Italia con il “Diversità Tour”

CONDIVIDI

1200px__DSC9127_foto di Domenico Mirigliano_bLa redazione di CheDonna, per la categoria Musica vi comunica che dopo il grande successo ottenuto sul palco del Concerto del Primo Maggio, dove hanno fatto ballare il pubblico con alcuni brani del loro repertorio folk (tra cui la travolgente “La birra e la musica”, Daniele Ronda & Folklub continuano a girare l’Italia con il “Diversità Tour”.

Il Folklub è composto dai pilastri Sandro Allario (fisarmonica, pianoforte, organo hammond), Carlo Raviola (basso), e dalla new entry Pier Foschi, ex batterista di Jovanotti (in concerto anche con grandi nomi come Whitney Houston, Adriano Celentano, Terence Trent D’Arby, Laura Pausini e molti altri).

Queste le prossime date del “Diversità tour: il 15 maggio alla Festa della Croce Rossa di Reggio Emilia, 23 maggio al Messa Rock di Borgo San Dalmazzo (Cuneo), il 6 giugno ad Alba (Cuneo), il 20 giugno al Paniere – Il Circolo di Crema,  il 21 giugno alla Festa Internazionale della Musica di San Nicola Baronia (Avellino), il 24 giugno alla Festa Giovani di Ponte dell’Olio (Piacenza), il 27 giugno al Luino Solidal Folk (Varese), il 3 luglio alla Festa di Piazza di Fiorenzuola (Piacenza), il 5 luglio a Settima (Piacenza), l’11 luglio a Broni (Pavia), il 29 luglio al Baladin di Cuneo, il 15 agosto all’Exposud Festival di Avellino, il 5 settembre a Stradella (Pavia), il 12 settembre al Settembre Eclanese di Mirabella Eclano (Avellino) e il 19 settembre a Busto Arstizio (Varese).

Daniele Ronda&Folklub eseguiranno alcuni brani tratti dall’ultimo disco di Daniele Ronda “La Rivoluzione” e dai suoi precedenti “Daparte in folk” e “La sirena del Po”, oltre a presentare live “Inno alla diversità”, da lui scritto per celebrare le diverse culture locali italiane come ricchezza del nostro Paese.

«La parola “diverso” spaventa e disturba le persone, in qualsiasi accezione la si intenda – spiega Daniele Ronda – a far paura è la sua forza, che le permette di entrare dentro di noi e mettere in luce i nostri limiti: perché ritengo che la paura verso “l’altro” sia in realtà la paura verso quegli angoli di noi che rifiutiamo o vogliamo nascondere».

Il videoclip del brano “Inno alla diversitàè stato realizzato in duetto con il leader dei calabresi TaranProject, Mimmo Cavallaro, altra voce autorevole del panorama World italiano. Ronda e Cavallaro, attraverso la musica e i loro diversi dialetti, rompono le barriere culturali tra nord e sud per fondersi in un unico ideale.

Il progetto “Inno alla diversità” è curato da iCompany, la nuova azienda discografica e manageriale con focus specifico sulla World Music Nazionale (www.i-company.it).

Daniele Ronda, considerato uno dei più accreditati interpreti del cantautorato world italiano è anche autore e arrangiatore hit nazionali ed internazionali per artisti italiani di primissimo livello. Nel 2011 fa il suo esordio discografico con l’album “Daparte in folk“, che contiene duetti con Davide Van De Sfroos e Danilo Sacco (ex cantante dei Nomadi), oltre ad alcuni brani scelti per diventare la colonna sonora del film “La finestra di Alice” (con Sergio Muniz, Fabrizio Bucci, e Debora Caprioglio). Nel novembre 2012 pubblica il suo secondo disco, “La sirena del Po” (oltre 10.000 copie vendute) e, in due anni, si esibisce in 250 concerti in tutta Italia con un’importante serie di appuntamenti sold out (tra questi il Palabanca di Piacenza con oltre 3.100 paganti). Sempre nel 2012 vince il premio Mei come “Miglior progetto musica giovanile sul dialetto” e l’anno successivo riceve il prestigioso il Premio Lunezia Etno Music. Il 25 marzo 2014 esce il suo terzo disco “La Rivoluzione” (prodotto da JM Production/Bollettino Edizioni Musicali), per il quale Daniele Ronda riceve il Premio Enriquez 2014- Città di Sirolo (miglior album dell’anno per la categoria Musica pop e d’autore). Durante lo stesso anno il tour del cantautore conta oltre 80 date e riscuote un grande successo anche al sud. Ronda si esibisce sul palco del Concertone del 1° maggio insieme ai calabresi Taranproject, apre i concerti del “Mondovisione Tour-Stadi 2014” di Ligabue, allo Stadio Olimpico di Roma e allo Stadio San Siro di Milano, si esibisce tra i protagonisti del Concerto di Natale, in onda la sera della Vigilia su Rai2, condotto da Max Giusti.

Photo credits: Domenico Mirigliano