Home Attualità

Abusi e maltrattamenti in casa famiglia a Santa Marinella

CONDIVIDI

Orrore in una casa famiglia “Il monello mare”, a Santa Marinella, in provincia di Roma, sul litorale laziale, dove le forze dell’ordine hanno posto sotto sequestro la struttura a seguito di un’indagine che ha accertato che alcuni ragazzi, provenienti da condizioni di disagio familiare, hanno subito degli abusi e maltrattamenti.

Italian Carabinieri check people in the

Secondo le indiscrezioni, le indagini, coordinate dalla Procura di Civitavecchia, sono state scattate dopo la segnalazione di un’assistente sociale e di una tutrice minorile. Le due responsabili hanno sentito il racconto di una giovane adolescente, ospite della casa famiglia, la quale ha sostenuto di aver subito episodi di vessazioni continue tra ingiurie, aggressioni fisiche e verbali degli operatori, percosse, minacce, somministrazioni di cibo scaduto e psicofarmaci come sedativi e tranquillanti, senza prescrizione medica.Inoltre, nel mirino delle accuse anche il titolare della Onlus il quale avrebbe palpeggiato la giovane.

Gli inquirenti hanno anche analizzato un filmato ripreso con un cellulare da uno dei giovani nel quale sono stati accertati episodi di maltrattamenti: nel filmato si vede una ragazzina che viene picchiata. Un fatto confermato anche da un referto medico, datato dello stesso giorno dopo le cure al pronto soccorso per alcune ferite.

Tra i documenti che sono al vaglio degli inquirenti anche il diario di una delle minorenni che riporta vari episodi di violenze.

Il responsabile della casa famiglia di 55 anni è ora agli arresti domiciliari, mentre sono stati notificati quattro divieti di dimora ad alcuni collaboratori della struttura con le accuse di maltrattamenti aggravati, violenza sessuale aggravata e lesioni aggravate nei confronti di alcuni ospiti minorenni che sono stati trasferiti in altre strutture.

Il centro creato nel 1996 a scopo socio educativo, accoglie i minori provenienti dall’area civile e penale, in convenzione con il ministero di Grazia e Giustizia. Nel 2002 la casa famiglia aveva ottenuto l’accreditamento presso il Centro Antiviolenza della Provincia di Roma.