Home Attualità

LIBRI: ‘Angeli perduti del Mississippi’

CONDIVIDI

91ba269c-cdb7-4778-a299-7f9b04e28d08Oggi, CheDonna, per la categoria Libri, vi propone una novità: Angeli perduti del Mississippi.

«Chi non ama il blues ha un buco nell’anima.»
(inciso sul muro di un vecchio negozio di dischi del Mississippi)

La leggenda narra che Robert Johnson strinse il patto con il diavolo a un crocicchio, cedendo la sua anima in cambio del talento per suonare la chitarra come nessuno aveva mai fatto prima. Il blues nacque così: imbevuto fin dall’inizio di magia arcana e spettrale. Proprio per questo ancora oggi le sue formule, i suoi riti e linguaggi rimangono sconosciuti e occulti.

In Angeli perduti del Mississippi, Fabrizio Poggi decodifica i meccanismi che costruiscono le atmosfere rapinose e corsare che ammantano la musica del diavolo, e lo fa attraverso una miscellanea di micro-racconti, di frammenti narrativi incastrati come smalti e tasselli di un medesimo mosaico. Un affresco tanto affascinante da assumere i contorni di un viaggio letterario e culturale che odora di zolfo e distillerie, chitarre e demoni, e che porta progressivamente a trasfigurare l’opera in una ballata sulla musica nera.

Un suggestivo vagabondare, insomma, che disegna una geografia storico-sociale, oltre che musicale, stupefacente e ricca di spunti. Un libro che, in un’efficace galleria di personaggi, non manca di tratteggiare le vite dei principali alfieri del blues – da B.B. King a Bessie Smith, da Buddy Guy a Elmore James – ma che racconta anche il double talk, la lingua “nascosta” con cui i neri parlavano per non farsi comprendere dai bianchi, e l’hoodoo, quell’insieme di credenze popolari e pratiche magiche o propiziatorie, legato al mondo africano.

Angeli perduti del Mississippi mescola allora critica musicale e ricerca antropologica, narrativa d’avventura e di viaggio in una combinazione di linguaggi e ritmi davvero avvincente e imperdibile.

Fabrizio Poggi nasce nel 1958 e si avvicina giovanissimo al mondo della musica. Sul finire degli anni Ottanta l’incontro decisivo con l’armonica a bocca, di cui diventa uno dei più noti solisti italiani.  Con la sua band Chicken Mambo e altre formazioni incide dodici album, di cui tre prodotti e registrati negli Stati Uniti, paese che lui ha ben conosciuto grazie a numerosi viaggi, soprattutto negli stati del Sud. La Hohner (la più celebre azienda produttrice di armoniche a bocca) lo ha premiato con un importante Oscar alla carriera.