Home Matrimonio - Idee, consigli, abiti e location Brollop, la piattaforma Ikea per sposarsi on line

Brollop, la piattaforma Ikea per sposarsi on line

CONDIVIDI

Sognate un matrimonio da favola, in una location degna di qualche patinata rivista, con ospiti provenienti da tutto il mondo e, magari, anche ad un prezzo stracciato? Strano ma potrebbe trattarsi di un sogno, almeno in parte, realizzabile.

CheDonna.it vi svela l’ultima frontiera dell’universo wedding: il matrimonio in streaming!

Schermata 2015-04-14 alle 10.48.05

Di stranezze che si avvalevano del supporto virtuale per il fatidico “lo voglio” ne avevamo già viste tante, ammettiamo però che l’invenzione di cui vi parliamo oggi raggiunge vette ancora in esplorate.

Pronte a conoscere Brollop, l’ultimo nato in casa Ikea?

Cos’è Brollop?

Un metodo di pubblicizzare i propri prodotti seguendo vie innovative. Così appare a chi l’osserva attentamente Brollop, piattaforma nata in casa Ikea e che mira a soddisfare quelle coppie che sognano un grande matrimonio ma hanno un budget ridotto.

Sempre più spesso accade infatti che, in occasione del grande giorno, si ponga la necessità di richiamare amici e parenti da lontano: la cosa incide enormemente sul budget ed ecco che, inevitabilmente, altri aspetti dell’evento vengono ridimensionati. Brollop mira proprio a riaggiustare gli equilibri in questo senso.

L’idea è semplice: la piattaforma virtuale consente di scegliere una location e collocarvi gli ospiti, che potranno poi accedere all’evento direttamente dal pc e, dunque, da qualsiasi luogo del globo si trovino. Si preme il tasto invio ed ecco che la cerimonia può avere inizio.

Un matrimonio totalmente virtuale dunque, e naturalmente con accessori rigorosamente griffati Ikea, il cui costo è però assai ridotto e che consente la partecipazione davvero di chiunque. Svantaggi? Be’ l’abbraccio di un parente o un amico dopo il “sì” senza dubbio non ha prezzo.

Occorrerà dunque domandarsi se vedere il proprio volto sulla spiaggia di Malibù, seppur solamente su uno schermo, valga la rinuncia al calore umano che solo il live sa donarci. Qualche cosa su cui riflettere.