Home Attualità

Egitto, nuovo video affiliati ad Isis: ucciso militare e decapitato un civile

CONDIVIDI

Ennesimo video shock dell’Isis. Dall’Egitto giunge un nuovo filmato dell’orrore nel quale, un gruppo di terroristi jihadisti affiliati allo Stato islamico nel Sinai ha ucciso un soldato egiziano e decapitato un civile accusato di essere una “spia”.
EGYPT-PALESTINIAN-UNREST-SINAI-KIDNAP
Il video di pochi minuti, diffuso dai media locali, mostra un terrorista del “Welayet Sinai” che uccide a colpi di mitragliatore un soldato egiziano, Ahmed Salam, che era stato rapito lo scorso 2 aprile. Il militare prima di essere ucciso ha lanciato un appello all’esercito invitandolo a non mandare soldati nel Sinai: Voglio dire a mia madre che Ibrahim mio fratello non dovrebbe unirsi all’esercito, in modo che ciò che è accaduto a me non accada anche a lui”, ha poi aggiunto il militare.
Nello stesso filmato viene mostrato anche il corpo di un uomo, un civile, che si intuisce sia stato decapitato. I jihadisti sottolineano nel video che la morte del soldato fa parte di una “grande operazione” con la quale sono stati giustiziati ben 16 soldati, lo scorso 2 aprile, quando i terroristi affiliati all’Isis hanno condotti svariati attacchi contro sette postazioni dell’esercito egiziano nel Sinai.

Come riporta l’Ansa, il gruppo di terroristi che si fa chiamare lo “Stato del Sinai” (Welayet Sinai) deriva dal nocciolo degli “Ansar Beit al-Maqdis” (i Partigiani della Sacra dimora o di Gerusalemme) che si sono alleati allo Stato Islamico lo scorso novembre.

Si tratta della seconda esecuzione di un soldato egiziano da parte del gruppo jihadista egiziano Welayet Sinai. Lo scorso gennaio, fu rapito e giustiziato un ufficiale di polizia. Dal canto suo, al momento, l’esercito egiziano non ha ancora commentato l’uccisione di Ahmed, ma nei giorni scorsi aveva confermato la strage di 15 militari avvenuta nel corso delle operazioni dei jihadisti lo scorso 2 aprile.