Home Attualità

Censis: aumenta l’utilizzo dei nuovi media nei bambini tra i 7-10 anni

CONDIVIDI

Il Centro Studi Investimenti Sociali (Censis) ha condotto una ricerca per il Corecom Lazio (Comitato regionale per le comunicazioni) intitolato “Media consapevoli, genitori responsabili, tutela dei minori” dal quale è emerso un quadro sull’utilizzo dei nuovi strumenti tecnologici nelle fasce  giovanili.

FRANCE-MEDIA-INTERNET-FEATURE

Dalla ricerca  si registra un boom di tablet: il 50% dei bambini di 6-7 anni ha un tablet e lo utilizza almeno per 1-2 ore al giorno, con punte fino a 3-4 ore, mentre il 60% dei ragazzi di 10 anni usa abitualmente il tablet.

In questo scenario, il 34% dei bambini di 7 anni può essere definito giocatore assiduo (gioca tutti i giorni online per almeno un’ora), a 10 anni la percentuale sale al 43%. Con i videogiochi offline (come la playstation) le percentuali superano il 43% tra i bambini di 7 anni e il 47% tra quelli di 10 anni.

Per quanto riguarda l’impiego del televisore e del computer, si evidenzia che il 51% usa internet senza genitori, il 70% dei bambini di 7 anni accende da solo la tv e a 10 anni è oltre l’80% che rimane da solo davanti al televisore.
Stesso scenario anche per quanto riguarda l’utilizzo di internet: il 26% dei bambini di 7 anni accede da solo anche alla rete e sale al 51% nella fascia dei 10 anni.
Dati preoccupanti in quanto meno del 25% dei genitori  utilizzano il parental control, ovvero il controllo per oscurare i contenuti “gravemente nocivi”, sia di quello per la televisione in chiaro, sia di quello attivo sulla televisione on demand. Il 42% dei genitori addirittura si dice non interessato ad esercitare questo tipo di controllo.

“Il 77% dei genitori sostiene che i contenuti audiovisivi violenti o in cui sono rappresentate perversioni minacciano non solo i bambini, ma anche gli adulti. La massima concentrazione di bambini di 7 anni davanti alla tv si registra dalle 20 alle 21. Solo dopo viene la fascia 17-18 (la fascia protetta)”, viene indicato nel rapporto.

Tuttavia, “quasi il 64% dei ragazzi di 10 anni segue principalmente la tv nella fascia oraria che va dalle 19 alle 22 dunque al di fuori dalla fascia protetta. Il 33% dei genitori considera inutile questo strumento di tutela, proprio perché i bambini guardano la tv a tutte le ore. E il 28% la considera inutile perché ritiene che in realtà passa di tutto anche in fascia protetta”.
Ma un “42,5% dei genitori pensa che debba essere mantenuta perché svolge una funzione simbolica. Il 20% dei genitori afferma anche di essersi accorto che i figli provano una certa curiosità per i siti web porno o dedicati al gioco d’azzardo. Il 76% dei genitori ritiene che sia giusto controllare i figli perchè non hanno la maturità per fruire di questi contenuti: temono l’assuefazione e la desensibilizzazione, piuttosto che eventuali traumi e incubi”.