Home Attualità - Tutte le news in tempo reale Bufera per Dolce e Gabbana per frasi su adozioni gay: è guerra...

Bufera per Dolce e Gabbana per frasi su adozioni gay: è guerra nel jet-set con #boycottDolceGabbana

CONDIVIDI

Gli stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana, del marchio “D&G” sono nella bufera mediatica dopo aver criticato le adozioni gay.

Dolce&Gabbana And Martini - Dance Art Garage

Dolce ha commentato che “non mi convincono i figli della chimica, i bambini sintetici, uteri in affitto, semi scelti da un catalogo”.
Una frase che non è di certo passata inosservata dal jet-set internazionale che si è scatenato dopo la replica polemica del cantante Elton John che dai suoi account social ha lanciato l’hashtag “boycottDolceGabbana”, scrivendo: “Come vi permettete di dire che i miei meravigliosi figli sono ‘sintetici’?”, ha scritto il cantante Elton John, che ha due figli ottenuti con la fecondazione in vitro con il marito David Furnish, chiedendo agli stilisti di “vergognarsi per aver puntato i loro ditini contro la fecondazione in vitro. Il vostro pensiero arcaico è fuori tempo: proprio come le vostre creazioni di moda”. Sul profilo Instgram di Elton John è apparsa la parola “Fascisti” che forse è stata firmata da Gabbana, ma è stata poi cancellata.

Boicottaggio del jet set a Dolce e Gabbana

Al boicottaggio hanno aderito anche molte personalità tra  le quali la tennista Martina Navratilova che si è appena sposta con la sua compagna, Ricky MartinCourtney Love che ha promesso di bruciare i suoi vestiti firmati Dolce e Gabbana: “Ho appena raccolto tutti i miei vestiti Dolce e Gabbana e li voglio bruciare. Non ho parole. Boicottiamo la bigotteria insensata” ha scritto la Love, che ha poi postato un’immagine intitolata “Volta & Gabbana” con una copertina di Vanity Fair del 2005, dove i due stilisti posavano in mezzo a dei bambini sotto il titolo “Il desiderio di essere padri” e quella “Panorama con il titolo “Viva la famiglia (tradizionale)”.

La Navratilova ha detto che non indosserà più capi degli stilisti italiani scrivendo che “le mie magliette D&G finiranno nel bidone, non voglio che nessuno le indossi”. Dal canto suo Ricky Martin, padre di due gemelli, avuti in provetta grazie ad una madre surrogata, ha invece risposto che “le vostre voci sono troppo potenti per spargere così tanto odio. Sveglia, siamo nel 2015, amate voi stessi ragazzi!”.

Dolce e Gabbana smentiscono di essere contrari ad adozioni gay

I due stilisti dalla Thailandia, dove sono in vacanza, hanno provato a smorzare i toni: “Sono siciliano e sono cresciuto con un modello di famiglia tradizionale, fatto di mamma, papà e figli. So che esistono altre realtà ed è giusto che esistano, ma nella mia visione questo è quello che mi è stato trasmesso, e con questi i valori dell’amore e della famiglia. Io sono cresciuto così, ma questo non vuol dire che non approvi altre scelte. Ho parlato per me, senza giudicare le decisioni altrui”, ha scritto Dolce.

Nell’intervista a Panorama Domenico Dolce ha detto di non poter avere un figlio perché gay, mentre Stefano avrebbe confessato di volerlo.  “Noi abbiamo parlato del nostro modo di sentire la realtà, ma non era nostra intenzione esprimere un giudizio sulle scelte degli altri. Noi crediamo nella libertà e nell’amore”.

I due stilisti hanno rilasciato un’intervista al Corriere della Sera, pubblicata questa mattina, nella quale hanno smentito categoricamente di essere contrari alle adozioni gay: “Ci mettono in bocca parole non nostre: saremmo contrari alle adozioni gay. Non è vero. Domenico ha semplicemente espresso la sua opinione sulla famiglia tradizionale e sulla fecondazione assistita. Altri fanno scelte diverse? Liberissimi. Ma noi pretendiamo lo stesso rispetto”.

In merito alla reazione di Elton John, Dolce ha poi affermato che “non me l’aspettavo da una persona che ritenevo intelligente come Elton John. Ma come? Predichi comprensione, predichi tolleranza, e poi aggredisci? Tutto perché qualcun altro la pensa in modo diverso da te?”.

“Tutta questa campagna è nata online, sul nulla, mettendoci in bocca parole non nostre per volontà di un gruppo di attivisti gay in malafede e poi si è allargata”, ha poi aggiunto lo stilista, sottolineando poi che “l’intervista non l’ha letta nessuno perché altrimenti basterebbe leggerla in buona fede per vedere che non c’è nulla dietro questo baccano”.
“Domenico ha delle idee, ha fatto delle scelte. Elton John ne ha fatte altre. Scelte diverse, vite diverse. Stesso rispetto. Però vedo che ci sono, specialmente in Rete, anche i gay omofobi: quelli che offendono altri gay che esprimono idee diverse”, ha poi concluso Dolce.
Dal canto suo Gabbana ha sostenuto le posizione del compagno: “Domenico ha detto che preferirebbe la famiglia classica, è la sua opinione. Non è a suo agio con la fecondazione assistita, è il suo imprinting tradizionale siciliano”.

Tessere ad honorem di Forza Nuova a D&G

Intanto, no si placa la polemica e il segretario di Forza Nuova, Roberto Fiore ha detto di aver spedito le tessera ad honorem di Forza Nuova ai due stilisti perché hanno “dimostrato coraggio nel difendere il valore della famiglia tradizionale, per essersi dichiarati contrari all’adozione di minori a coppie dello stesso sesso, per aver rifiutato il modello dei figli della chimica che non hanno né mamma né papà”.

Inoltre, nel comunicato, Forza Nuova “invita tutti gli italiani a boicottare Elton John, capostipite internazionale di quella lobby razzista omosessuale che intende sovvertire l’ordine naturale e dare patenti di democraticità a chi di suo gradimento”.