Home Attualità

Allarme Coldiretti: cala consumo prodotti tradizionali come olio e pane

CONDIVIDI

Mentre l’export agroalimentare italiano nel 2014 resiste nonostante si sia dimezzato il tasso di crescita, la crisi in Italia ha comporta un drastico cambiamento nei consumi alimentari degli italiani che hanno ridotto il consumo di molti prodotti tradizionali, come l’olio, il vino, l’ortofrutta, la pasta o il pane.

LIBYA-AGRICULTURE-OLIVE-OIL

E’ l’allarme lanciato dall’associazione di categoria Coldiretti che ha delineato un’indagine sui consumi degli italiani per cui nel 2014, si sono registrate pesanti ripercussioni sul consumo dell’olio sceso a 9,2 chili all’anno, segando un calo del 25% dall’inizio della crisi economica nel 2008. Gli italiano sono anche dietro alla Spagna dove il consumo dell’olio è ad una media di 10,4 chili e la Grecia a 16,3 chili all’anno.
Stesso scenario anche per il vino che segna una riduzione del 19% nei consumi con una media annua di 20 milioni di ettolitri.
Ma non solo. Anche il comparto frutta e verdura fresca registra un calo del 7% con una media di 130 chili all’anno che equivalgono a non più di 360 grammi al giorno rispetto ai 400 grammi consigliati dall’organizzazione mondiale ella Sanità.
In Italia solo il 18% della popolazione di età superiore a 3 anni consuma quotidianamente almeno 4 porzioni di frutta e verdura.
Anche per quanto riguarda il piatto nazionale, la pasta, gli italiani pur rimanendo i maggiori consumatori con una media di 26 kg l’anno a persona, si registra un calo nel consumo così come quello del pane che è sceso al minimo storico per un quantitativo di circa 90 grammi, pari a meno di due fettine di pane al giorno (o due rosette piccole) a persona.
La Coldiretti intravede per il 2015 una ripresa dopo che gli acquisti alimentari sono crollati nel 2014 tornando indietro ai minimi del 1981.
Un tipo di consumo che si riflette anche sulla salute, tanto che vi è un cambiamento nelle scelte dei prodotti low cost nei discount che hanno registrato una crescita del 2,4% rispetto al 2013.
Secondo altre ricerche, evidenzia Coldiretti, i prodotti tradizionali, come pane, pasta, pesce, frutta, verdura, extravergine e il tradizionale bicchiere di vino consumati si sono dimostrati essere benefici per la salute in quanto fino ad oggi gli italiani risultano essere i più longevi al mondo con una media di 79,8 anni per gli uomini a 84,8 per le donne.